Maltempo in Liguria, geologi: «Territorio non è più in grado di sostenere questi eventi»

[20 gennaio 2014]

Anche questo inverno con solo un po’ di ritardo rispetto al periodo canonico (ottobre-novembre) il maltempo ha colpito la Liguria provocando i soliti dissesti che ci accompagnano a questi fenomeni meteorologici estremamente sfavorevoli. Il territorio è fragile e  non è più in grado di sostenere eventi atmosferici di una questa portata.

Ci eravamo forse illusi di averla per una volta scampata, ma non è stato così. Questa volta è toccato al Ponente ligure come in passato al Levante o alla zona di Genova, ma non si può ogni volta incrociare le dita e sperare che il maltempo ci risparmi perché non è così che si deve affrontare il problema.

Siamo qui ancora una volta a ripeterlo ed in molti si stancheranno di sentircelo di nuovo dire, ma noi non ci stancheremo di ricordarlo.

Il problema è che bisogna cambiare completamente l’approccio con il territorio. Una corretta gestione del territorio è una questione principalmente culturale. Le conoscenze ci sono, gli strumenti (Piani di Bacino, Contratti di Fiume, ecc.) anche, non resta che mettere in pratica azioni preventive di tutela del territorio partendo magari da piccoli interventi di ripristino e recupero, ovviamente pianificati ed inseriti in un più ampio progetto complessivo di gestione del territorio, che a fronte di una spesa contenuta possono garantire risultati importanti nella difesa del suolo.

di Giuliano Antonielli, geologo ligure, consigliere nazionale dei Geologi