Oms: El Niño minaccia almeno 60 milioni di persone nei Paesi in via di sviluppo

«Salute ad alto rischio per siccità e alluvioni in molti Paesi del mondo»

[22 gennaio 2016]

OMS El Niño

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ei suoi partner prevedono per quest’anno un forte aumento delle emergenze sanitarie a livello globale a causa di El Niño.

El Niño, un fenomeno climatico che riscalda l’Oceano Pacifico tropicale orientale e centrale, modifica i modelli delle precipitazioni e delle temperature in molte parti del mondo, ma più intensamente nelle regioni tropicali di Africa, Asia-Pacifico e America Latina, che sono particolarmente vulnerabili ai rischi naturali. Di solito, con El Niño alcune arre ricevono più pioggia del normale, mentre altre ne ricevono molto meno.

Richard Brennan, direttore dell’Emergency Risk Management & Humanitarian Response Department dell’OMS, sottolinea che «Dall’Etiopia ad Haiti, passando per Papua Nuova Guinea, stiamo assistendo ai danni prodotti da El Niño, e crediamo che l’impatto sulla salute pubblica sia destinato a proseguire per tutto il 2016, anche dopo che El Niño an drà a calare. Per evitare decessi e malattie inutili, i governi devono investire ora nel rafforzare i loro sforzi di prevenzione e risposta».

Secondo un nuovo rapporto dall’OMS, «Siccità, inondazioni, forti piogge e forti aumenti di temperatura sono tutti effetti di El Niño noti che possono portare a insicurezza alimentare e malnutrizione, epidemie, scarsità d’acqua acuta e al crollo dei servizi sanitari. Le implicazioni per la salute sono in genere più intensi nei Paesi con meno capacità di sviluppo a ridurre le conseguenze per la salute». 

El Niño 2015-2016 si annuncia come uno dei peggiori degli ultimi anni, paragonabile al disastroso  El Niño nel 1997-1998 che ha avuto importanti conseguenze per la salute in tutto il mondo. In Africa orientale, El Niño nel 1997-1998 causò gravi inondazioni e grandi epidemie di malaria, colera e febbre della Rift Valley.

Sulla base degli ultimi dati dell’Onu, il rapporto OMS stima in 60 milioni di persone saranno influenzate  da El Niño quest’anno,  con molteplici  conseguenze per la salute. Finora, le richieste di sostegno finanziario da parte di 7 paesi ad alto rischio (Etiopia, Lesotho, Kenya, Papua Nuova Guinea, Somalia, Tanzania e Uganda) per le spese sanitarie dovute a El Niño hanno raggiunto i 76 milioni di dollari. Ma l’OMS si aspetta che molti altri Paesi cercheranno sostegno finanziario per rispondere a El Niño in modo efficace e spiega che « Parte della risposta sarà quello di fornire servizi sanitari aggiuntivi per chi è nel bisogno, come ad esempio una maggiore sorveglianza e vaccinazione d’emergenza. I bisogni urgenti richiedono anche fondi per fornire trattamenti per bambini gravemente malnutriti in molti Paesi, come l’Etiopia.

Mentre gli effetti meteorologici avversi di  El Niño dovrebbero raggiungere il picco in questo mese e continueranno fino ad aprile, il loro impatto sulla salute durerà tutta 2016. «Senza una preparazione adeguata, efficiente e tempestiva in risposta a El Niño, potrebbero volerci anni per recuperare», ha detto Brennan.

El Niño sta causando forti piogge e inondazioni in Africa orientale, aumentando i rischi che a recente epidemia di colera, con oltre 12.000 casi segnalati in Tanzania, si diffonda in altri Paesi. L’epidemia di colera della Tanzania è la più grande dal 1997-1998, quando ci furono più di 40 000 casi segnalati.

Nel Corno d’Africa, la siccità devastante che ha colpito 22 milioni di persone è stata seguita da piogge insolitamente forti, che hanno aumentato il rischio di malattie trasmesse da vettori animali, come la malaria, e di focolai di malattie trasmissibili, tra cui il morbillo e colera. Le popolazioni con alti livelli di malnutrizione sono più sensibili a questo tipo di malattie.

Siccità estrema e penuria d’acqua acuta che colpisce milioni di persone nel sud del Pacifico Occidentale, in America Centrale e Sud Africa si estenderà fino alla prima metà del 2016, con conseguente aumento della malnutrizione e delle malattie diarroiche. L’OMS fa l’esempio dell’America Centrale, dove 4,2 milioni di persone sono attualmente colpite dalla siccità: «Le famiglie più povere sonno le più colpite e possono subire una grave insicurezza alimentare, con un aumento della malnutrizione, fino al prossimo raccolto nell’agosto 2016». MA anche più a sud le cose non vanno meglio e per tutt’altro motivo: «A seguito di gravi inondazioni in Paraguay nel mese di dicembre, che hanno portato all’evacuazione di  più di 100 000 persone, delle condizioni piovose in Sud America che portano a causare intense  inondazioni in Perù, Ecuador e Bolivia, ci sarà una maggiore incidenza di malattie trasmesse da vettori, infezioni respiratorie e danni alle strutture sanitarie, con ripercussioni che perdureranno anche nel 2016».

Ma il rapporto OMS rileva che «Possono essere adottate misure importanti per prevenire e ridurre gli effetti di El Niño sulla salute, tra cui: la vigilanza sulle malattie; tenere sotto controllo a trasmissione di malattie (ad esempio con le vaccinazioni) e i vettori che diffondono le malattie; la mobilitazione delle comunità per promuovere pratiche igieniche e sanitarie; il miglioramento dei servizi idrici e fognari; rafforzare la logistica e la supply chain medichei; il pronto soccorso e il mantenimento dell’ accesso ai servizi sanitari;  un efficace coordinamento delle misure di prevenzione e risposta.

OMS e i suoi partner stanno lavorando a stretto contatto per sostenere i governi e il la sanità nella loro preparazione e risposta a El Niño. Per sostenere misure di emergenza nazionali in molti paesi, l’OMS ha schierato staff di emergenza sanitaria specializzata e personale tecnico in ‘Etiopia, Indonesia, Papua Nuova Guinea, Somalia, Tanzania e diverse isole del Pacifico. Inoltre l’OMS e i suoi partner del settore sanitario hanno fornito input al governo e elementi di pianificazione alle agenzie Onu ed ai coordinamenti  nazionali per El Niño in Ecuador, Haiti, Kenya, Malawi, Papua Nuova Guinea, Somalia, Sudan e Uganda.

Inoltre, l’OMS ha attivamente collaborato con i Paesi e i donatori in altre attività, compresa la gestione delle informazioni e valutazioni e dei rischi sanitari, così come l’impegno con le agenzie nazionali per  aggiornamenti meteorologici dettagliati sulle precipitazioni e per previsioni più localizzate.