Riordino istituzionale e servizi pubblici, cosa aspettarci dallo svuotamento delle province

In esclusiva per greenreport.it il presidente Cispel Toscana fa il punto della situazione

[30 gennaio 2015]

Esprimo apprezzamento per le linee guida proposte dalla Giunta Regionale al Consiglio per la legge regionale di riordino istituzionale, che dovrebbe essere approvata nei prossimi giorni. In particolare giudico ottima la scelta di trasferire interamente alla Regione le competenze in materia di rifiuti e di acqua, evitando ogni forma di duplicazione e definendo una legge regionale chiara e coerente, oltre che rispettosa delle leggi nazionali.

Restano delle osservazioni di cui tener conto nella predisposizione dell’articolato. In primo luogo, l’attuazione della nuova normativa non deve comportare una fase transitoria di incertezza, che rallenti le procedure autorizzative e amministrative in atto, né tantomeno atteggiamenti di attesa da parte delle pubbliche amministrazioni, con le conseguenze negative sulle imprese, come ad esempio nel campo del trasporto pubblico locale.

Le nuove competenze regionali, inoltre, auspico che siano esercitate in forma omogenea, evitando il perseverare nei futuri uffici regionali a livello locale, di consuetudini e procedure delle precedenti amministrazioni provinciali, definendo procedure chiare e ben definite. Per quanto riguarda il percorso di riordino, questa è la buona occasione per operare tutte le ulteriori semplificazioni possibili nel campo delle procedure autorizzative e di controllo.

Infine c’è un altro punto che merita grande attenzione nella definizione dell’articolato: mi auguro che non vengano introdotti elementi di sovrapposizione e duplicazione di competenze, definendo chiaramente le competenze in carico ad un’unica amministrazione. Solo seguendo la strada della chiarezza e della giusta competenza potrà aprirsi una fase importante di gestione di due servizi, acqua e rifiuti, cruciali nella vita quotidiana dei cittadini.

di Alfredo De Girolamo, presidente di Confservizi Cispel Toscana