Agricoltura 4.0, un mondo di tecnologie in continua evoluzione

Dai droni per il monitoraggio aereo alla condivisione delle attrezzature, al mercato dell’usato

[7 ottobre 2016]

macchine-agricoltura-trattori

Il settore primario sta vivendo un costante cambiamento, dovuto in parte ad un mercato che si fa sempre più ampio e dinamico. L’ottimizzazione delle risorse diventa un tema sempre più centrale, soprattutto quando si deve massimizzare il ritorno sull’investimento (che sia in attrezzature, manodopera o gestione dell’azienda). Le recenti innovazioni tecnologiche possono forse offrire una soluzione pratica a questi problemi, con un’offerta che varia da droni per monitoraggio a macchine movimento terra completamente automatizzate.

Droni per il settore agrario: il monitoraggio dall’alto

Il mondo dell’agricoltura ha accolto in maniera positiva la diffusione dei droni e, soprattutto, di apparecchiature che possano offrire un punto d’osservazione esclusivo per il controllo di acque e terreni. La modalità con cui viene svolto questo tipo di monitoraggio permette una miglior ottimizzazione di fertilizzante e risorse idriche. I droni possono risultare un buon investimento per molti operatori agricoli, aiutando a ridurre i tempi di lavoro e compensando l’investimento iniziale con una significativa ottimizzazione di risorse.

Automazione in agricoltura: trattori e sistemi GPS

Quando si parla di automazione uno dei criteri prioritari riguarda l’efficienza delle attrezzature. Le macchine, lavorando in modo autonomo, danno modo agli agricoltori di spostare il focus su altri compiti, ottimizzando la forza lavoro a disposizione. Per far questo, è necessario che le attrezzature siano impeccabili in termini di efficienza, rendendosi quindi uno strumento affidabile per ogni operatore agricolo. I robot agricoli permetto di lasciare alle macchine compiti più “meccanici” quali la semina o il diserbo, permettendo a piccole e medie imprese, con un numero limitato di braccianti, una maggiore flessibilità riguardo la gestione del personale.

Inoltre, un trattore completamente automatizzato può lavorare con un sistema GPS, garantendo un consumo ridotto di carburante grazie alla programmazione del percorso da effettuare. Questo assicura tanto un risparmio economico, quanto una notevole riduzione dei tempi di lavoro.

Iniziative per uso e condivisione delle attrezzature

I macchinari utilizzati per la lavorazione dei terreni stanno subendo una costante trasformazione, con innovazioni tecnologiche che contribuiscono a migliorare efficienza e funzionalità di attrezzature pensate per compiti sempre più specifici. Non tutti gli operatori possono permettersi un investimento in questa direzione: probabilmente piccole e medie imprese farebbero fatica a recuperarlo sul breve periodo. È pur vero che l’acquisizione di nuovi mezzi contribuirebbe alla crescita dell’azienda, rendendola competitiva su un mercato sempre più agguerrito.

Fortunatamente si sta facendo strada un’alternativa che potrebbe dare risposta a queste problematiche. Metodi partecipativi e di condivisione sono opzioni molto in voga sul mercato: viene permesso l’accesso a risorse anche a chi non è in grado di finanziarsi questo tipo di spesa. Alcune reti specializzate raggruppano insieme diversi operatori del settore, organizzando un sistema di condivisione delle attrezzature che segue il modello cooperativo.

Motori di ricerca per attrezzature usate

Un’ulteriore soluzione è offerta dal mondo dell’usato (mercato fino ad ora frammentario e poco strutturato sul web). Negli anni sono spuntate diverse piattaforme per cercare di ovviare a questa mancanza di organizzazione, ma solo in tempi recenti sono apparsi motori di ricerca creati ad hoc per questo mercato. L’esempio di TradeMachines è paradigmatico: vengono listate e catalogate aste per macchinari usati, consultabili grazie ad un apposito strumento presente sul sito. La corsa al rinnovo delle attrezzature da un lato e la vendita di macchinari causa fallimento dall’altro, hanno generato un costante aumento di inserzioni presenti sul web, dando modo a molti agricoltori di reperire articoli a prezzi abbordabili.

Questa lista di esempi è solo un piccolo spaccato delle innovazioni presenti nel settore agrario, che si mostra più complesso e variegato ad un secondo sguardo. È possibile comunque capire quale sia la direzione intrapresa e, come ben chiaro, le innovazioni tecnologiche sembrano aver preso in mano le redini di questa corsa.

(Publiredazionale)