La Xylella fastidiosa fa paura anche ai giardinieri inglesi

Royal Horticultural Society: è un game-changer che potrebbe arrivare nel Regno Unito

[29 dicembre 2017]

Le epidemie di Xylella fastidiosa hanno causato problemi diffusi in Europa, cancellando interi uliveti e provocando accese discussioni – soprattutto in Italia – sulle misure imposte dall’Ue per circoscriverne la diffusione,  ora la  Royal horticultural society (Rhs) afferma che potrebbe arrivare nel Regno Unito, minacciandone i giardini.

Se ne occupa anche la BBC che ricorda che «La Commissione europea ha intensificato le protezioni contro la diffusione di Xylella, che può infettare più di 350 piante diverse».

Il responsabile della salute delle piante della Rhs, Gerard Clover, ha avvertito che «Probabilmente è solo questione di tempo prima che si diffonda nel Regno Unito. la Xylella è un game-changer per i giardinieri e l’industria orticola ed è vitale che capiamo il suo potenziale impatto».

BBC News sottolinea che «Gli esperti descrivono la Xylella fastidiosa come uno dei “patogeni più pericolosi al mondo”. Il batterio invade il sistema vascolare che la pianta usa per trasportare l’acqua, causando la comparsa di sintomi come bruciature e avvizzimento delle foglie, seguiti eventualmente dalla morte della pianta».

Nell’Ue sono in atto severe misure di emergenza dopo che sono scoppiati focolai di Xylella fastidiosa in Italia (soprattutto in Puglia), Francia (Corsica e Francia continentale), Germania e Spagna (isole di Maiorca, Minorca, Ibiza e Spagna continentale).

Un portavoce del Department for environment, food & rural affairs britannico (Defra) ha detto che la minaccia di malattie come la Xylella è «una preoccupazione molto reale e in crescita. Questo è il motivo per cui quest’anno abbiamo insistito a livello Ue per aumentare le protezioni contro Xylella, al fine di evitare che la devastante malattia raggiunga le nostre coste, e queste sono state approvate ad ottobre e sono entrate in vigore questo mese. Quando lasceremo l’Ue avremo anche l’opportunità di esaminare tutte le nostre misure nazionali di biosicurezza sulle importazioni di piante per garantire che siano il più robuste possibile per proteggere il Regno Unito da malattie come Xylella».

Secondo il Defra la diffusione della Xylella fastidiosa  potrebbe avere enormi implicazioni per il commercio orticolo del Regno Unito e sull’intero ambiente; «Un focolaio nel Regno Unito potrebbe portare alla distruzione di piante ospiti entro 100 metri e un divieto di circolazione di 5 km per alcune piante per 5 anni. E’ probabile che la gamma di specie vegetali infette nell’Ue aumenti e includa già alberi, arbusti e piante erbacee».

Per mitigare il rischio rappresentato dalla Xylella e da altri parassiti e malattie, la la  Royal horticultural society  sta adottando nuovi principi, tra cui: Dove possibile, tutti gli alberi semi-maturi importati saranno tenuti in isolamento per 12 mesi prima di piantarli nei giardini e nei vivai della Rhs; La valutazione del rischio per la salute delle piante sarà inserita  nei criteri di valutazione delle esposizioni floreali della Rhs; Sarà redatto di un elenco centrale di fornitori approvati dalla Rhs che soddisfano determinati criteri fitosanitari.

L’Rhs invita giardinieri e vivaisti ad acquistare piante nate da semi sviluppati nel Regno Unito o che siano state coltivate nel Regno Unito per un minimo di 12 mesi.