Toscana, export a +4,1% nell’Ue. Dalla Regione bando per promuovere qualità agroalimentare

Un milione di euro per sviluppare il mercato delle produzioni Dop e Igp, dei vini Doc, Docg e Igt, del bio e dell'agriqualità

[12 settembre 2016]

Vendemmia Toscana export

Nei primi sei mesi dell’anno, come documenta l’analisi pubblicata oggi dall’Istat, la Toscana figura tra le regioni italiane che più hanno trainato l’export verso i paesi Ue. In media, l’aumento congiunturale (a fronte di una stazionarietà tendenziale) delle vendite italiane verso il resto d’Europa è stato del +3,1%, mentre la Toscana ha registrato un +4,1%. Solo Abruzzo ed Emilia-Romagna hanno fatto meglio. Merito soprattutto delle vendite in territorio svizzero (+17,9%) e francese (+10,5%), che hanno trainato la performance toscana. Meno incoraggiante l’andamento delle esportazioni made in Tuscany nei paesi extra-Ue, diminuite nel primo semestre 2016 dell’1,6%.

In questo contesto si inserisce il bando da 1 milione di euro che sarà pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana mercoledì 14, che potrà contribuire a indirizzare le esportazioni non soltanto in quantità ma anche in qualità. Il bando è infatti finalizzato a sostenere le associazioni di agricoltori che, all’interno del mercato della Ue, svolgono attività di informazione e promozione, contribuendo ad accrescere lo sviluppo sui mercati della conoscenza delle produzioni Dop e Igp, dei vini Doc, Docg e Igt, del Bio e dell’Agriqualità. Tutte produzioni in cui l’agricoltura toscana esprime la sua grande vocazione.

«Questo bando si basa sulla convinzione – spiega Marco Remaschi, assessore regionale all’Agricoltura – che le attività di promozione e di informazione per le produzioni di qualità contribuiscono a rafforzare la partecipazione degli operatori alle varie filiere, sviluppando modalità di comunicazione unitarie rispetto al prodotto ed al marchio di riferimento. Diventa in tal modo possibile realizzare campagne che sarebbero poco accessibili a piccole o medie realtà imprenditoriali. Oltretutto, passando dal livello nazionale a quello europeo, si potrà incrementare la conoscenza dei segni della qualità ancora poco affermati tra i consumatori europei, oltre che valorizzare le politiche di sviluppo rurale».

Il bando è riservato alle associazioni di produttori, la cui domanda deve essere presentata entro le ore 13.00 di mercoledì 30 novembre 2016, impiegando esclusivamente (mediante procedura informatizzata) i moduli disponibili sulla piattaforma dell’Anagrafe regionale delle aziende agricole gestita da Artea: il sostegno, sottolineano dalla Regione, sarà eventualmente concesso in via esclusiva per le attività di informazione, promozione e pubblicitarie sull’intero territorio dell’Unione europea.