Aiuti alle Filippine dopo il tifone Haiyan, anche la Toscana si muove. Come dare una mano

[13 novembre 2013]

Anche la Regione Toscana parteciperà agli aiuti economici per il soccorso della popolazione delle Filippine, colpita dal tifone Haiyan. Saranno stanziati 50 mila euro per gli interventi di prima urgenza: decisione annunciata dal presidente Enrico Rossi, che ha ricevuto una delegazione della comunità filippina di Firenze guidata dal console Fabio Fanfani.

«In Toscana vive una comunità importante, sono 12 mila persone, che svolgono un ruolo prezioso in particolare nella cura e nell’assistenza delle persone anziane. La nostra vicinanza in un momento come questo è doverosa, è una sorta di reciprocità». Lo stanziamento della Regione Toscana andrà a confluire nel fondo nazionale stanziato dal ministero degli Affari Esteri  che attualmente è dotato di 1 milione di euro. «Se anche le altre Regioni faranno come la Toscana – ha aggiunto Rossi – potremmo forse raddoppiare il fondo». Il presidente della Regione ha inoltre aggiunto di aver attivato contatti con la Farnesina e di aver messo a disposizione il Gruppo di Chirurgia d’Urgenza diretto dal professor Evangelista, che è pronto a  partire. «E’ un nostro centro d’eccellenza che naturalmente la Regione doterà di tutto il necessario, come facciamo ogni volta che il Gruppo parte per una missione, perché le attrezzature vengono lasciate ogni volta in loco».

Nell’occasione il presidente della Ragione si è soffermato anche sulle possibili cause della tragedia: «disastri come quello delle Filippine sono causati dall’uomo e le responsabilità sono in quel capitalismo finanziario che sfrutta le risorse senza preoccuparsi dei danni che si creano alla biosfera. Credo che gli Stati dovrebbero cominciare a pensare come far ripagare i danni di questi disastri a quelli che li hanno causati». In chiusura dell’incontro Rossi ha inoltre sollecitato al Console Fanfani e ai componenti della delegazione, suggerimenti per altri possibili interventi e dichiarato la disponibilità della Regione a contribuire in termini di prodotti sanitari e medicinali. Altri aiuti sono stati annunciati da Arci, che da due decenni ha attivato progetti di cooperazione con le Filippine, e Unicoop Firenze, anch’essa attiva in zona con il progetto “Il cuore si scioglie”.

Per raccogliere aiuti la Comunità Filippina ha attivato alcuni centri, presso i quali confluiranno anche gli aiuti in termini di presidi sanitari e medicinali della Regione:

Comunità Filippina di San Barnaba – Via Guelfa 41- 50129 Firenze- (Riferimento: padre Reynold Corcino); CBN – London – LTD – Bdo- Via della Spada 36r – 50123 Firenze

La Caritas ha messo a disposizione  un conto corrente con IBAN: IT 67 L033 5901 6001 0000 0067 361  per versamenti con causale “Emergenza Filippine”- Oppure un C.c.p n. 26091504 intestati a Associazione Solidarietà caritas Onlus.