Ad Ascension non si pesca più: istituita la più grande Area marina protetta dell’Oceano Atlantico

Proteggerà tartarughe marine, squali, pesci spada, tonni, marlin e uccelli marini

[19 Marzo 2019]

L’isola di Ascension, nell’Oceano Atlantico meridionale, sta diventando una nuova area marina protetta di  443.000 Km2, due volte più grande del Regno Unito, lo Stato di cui fa parte come  dipendenza del territorio britannico d’oltremare di Sant’Elena, Ascension e Tristan da Cunha.

Lewis Pugh a capo del settore oceani dell’United Nations environment programma (Unep), si è complimentato per la decisione: «Sono lieto di sapere che il Regno Unito ha ascoltato la nostra richiesta di proteggere appieno le acque intorno all’isola dell’Ascension, un gioiello nell’Oceano Atlantico. Proteggere il 30% degli oceani del mondo non deve essere un sogno». Attualmente, le aree marine protette coprono il 7,6% degli oceani e mari del mondo, un passo avanti notevole rispetto a meno del 2% di soli pochi anni fa, ma dovuto soprattutto alla decisione di pochi Stati di proteggere la loro Zona economica esclusiva o delle ex potenze coloniali di tutelare le isole remote di quel che rimane dei loro imperi.

Pugh è particolarmente soddisfatto perché ha visitato Ascension Island a ragazzo e dice che «Non dimenticherò mai quando guardavo gli squali che giravano intorno alla mia barca, le tartarughe verdi che deponevano le uova e la brulicante fauna selvatica. Ascension Island è una rara sopravvissuta della  straordinaria abbondanza in un mare di declino. Ringrazio la Blue Marine Foundation, la Royal Society for the Protection of Birds (Rspb), Great British Oceans Coalition, le ONG, gli scienziati, i dipendenti pubblici e i politici per aver fatto succedere tutto questo».

Per annunciare l’istituzione della grande Area Marina Protetta di Ascension, il Cancelliere del Regno Unito, Philip Hammond. ha addirittura utilizzato la sua usato la sua dichiarazione di primavera, durante la quale ha detto di essere perfettamente d’accordo con l’Ascension Island Council nel «Designare tutte le sue acque come area marina protetta, senza permettere la pesca».

Anche le associazioni ambientaliste hanno espresso grande soddisfazione per il sostegno dato dal governo del Regno Unito per la designazione come Area marina protetta integrale dei tutto il mare che circonda l’isola remota di Acension. Charles Clover, direttore esecutivo della Blue Marine Foundation, ha dichiarato: «Ci congratuliamo con il Cancelliere per aver reso un annuncio di portata mondiale nel sostenere la meravigliosa e lungimirante decisione l’Ascension Island Council di creare la più grande riserva marina protetta nell’Atlantico. La riserva offrirà una protezione duratura a uno degli ultimi posti selvaggi rimasti nell’oceano, un hotspot per tartarughe verdi, squali, pesce spada, tonni e alcuni dei più grandi marlin registrati al mondo».

Johnny Briggs, del Pew Bertarelli Ocean Legacy Project che sostiene anche la creazione di aree marine protette, ha evidenziato che «L’isola di Ascension, nel centro dell’Oceano Atlantico è uno dei grandi ambienti marini, dove vivono enormi tonni, marlin e popolazioni di tartarughe. E’ stato fatto  un grande passo verso la piena protezione dell’ambiente marino di Ascension: il governo del Regno Unito ha annunciato il suo sostegno al consiglio locale dell’isola per designare 443.000 Km2 delle sue acque come area marina protetta, senza permettere la pesca».

Jonathan Hall, responsabile Territori d’oltremare del Regno Unito dell’Rspb, ha aggiunto: «Siamo lieti che il governo abbia accettato di sostenere la comunità di Ascension Island nel suo appello a creare la più grande riserva marina integralmente protetta dell’Atlantico. Da oggi l’Ascension Council ha la certezza finanziaria che stava chiedendo per proteggere 440.000 Km2 quadrati di un oceano ricco. Questo potrebbe proteggere la seconda popolazione di tartarughe verdi più grande dell’Atlantico, marlin da record, i tonni minacciati, gli squali vulnerabili e le aree di alimentazione di no dei più importanti siti di riproduzione di uccelli marini tropicali del mondo».

La decisione fa parte del Blue Belt programme della Gran Bretagna per proteggere milioni di Km2 di oceani nei suoi territori d’oltremare. Il Segretario all’ambiente, Michael Gove. ha sottolineato: «Con un dominio marino che si estende in tutto il mondo, il Regno Unito è in una posizione unica per indicare la strada per la protezione degli oceani e della preziosa vita marina. I progressi odierni verso la completa protezione di tutte le acque di Ascension sono un importante passo in avanti nell’espansione della nostra Blue Belt e nella protezione di un terzo dell’oceano mondiale entro il 2030. Spero che i Paesi di tutto il mondo seguiranno l’esempio».

L’Unep ricorda che «Le aree marine protette sono uno strumento importante per conservare la biodiversità degli oceani del mondo» e Ole Vestegaard un esperto di mare dell’agenzia Onu, conclude: «Gli interventi ambiziosi per proteggere gli ecosistemi marini e costieri come quelli di Ascension island  sono estremamente utili, non solo per la straordinaria biodiversità subacquea che ospitano, ma anche per il loro prezioso contributo alla salute e alle funzioni degli oceani, per sostenere la sicurezza alimentare e la resilienza: in sostanza, una soluzione economica per il cambiamento climatico, basata sulla natura».