Australia, gli scienziati chiedono di eradicare i cavalli selvaggi da un parco nazionale

I brumbies causano forti danni a specie vegetali e animali autoctone in via di estinzione

[13 novembre 2018]

L’8 novembre, 90 scienziati australiani, che hanno partecipato alla conferenza sull’impatto dei cavalli, tenutasi all’Australian Academy of Science di Canberra e co-ospitata dall’Australian National University e dalla Deakin University,  hanno  sottoscritto il Kosciuszko Science Accord, una dichiarazione che chiede l’abrogazione di una legge del New South Wales che protegge i brumbies, i cavalli in libertà nelle regioni alpine del Paese.

Il Kosciuszko Science Accord chiede che il governo del New South Wales riconosca il «danno potenzialmente irreparabili» che i cavalli, tecnicamente selvaggi, stanno causando al Kosciuszko National Park in questo Stato australiano del  sud-est e gli  scienziati chiedono anche al governo dello Stato di abrogare la legislazione che protegge i brumbies. E che New South Wales, Victoria e Australian Capital Territory, all’interno dei cui territori si estendono le Alpi australiane, cooperino per  eradicare i cavalli tramite l’abbattimento dagli aerei – vietato nel New South Wales – o con altri mezzi efficaci.

Secondo quanto scrive Nature, dalla conferenza di Canberra è emerso che i cavalli selvaggi stanno danneggiando piante e ecosistemi fragili, con un fortissimo impatto su specie in via di estinzione come le frane a Corroboree (Pseudophryne corroboree e P. pengilleyi) e l’opossum pigmeo di montagna (Burramys parvus).

Secondo gli scienziati, nelle Alpi Australiane ci sono 7.000 – 8.000 cavalli allo stato libero ma, sebbene causino significativi problemi ambientali, gli sforzi per ridurre la loro popolazione sono ostacolati dal Kosciuszko Wild Horse Heritage Act 2018,  una legge del New South Wales approvata il 15 giugno che riconosce il valore culturale e storico dei brumbies, mettendo in pratica fuori legge il loro abbattimento nel Kosciuszko National Park.

La legge riconosce i valori culturali di popolazioni di cavalli selvatici sostenibili all’interno di alcune ere del  Parco nazionale di Kosciuszko e dà la priorità ai cavalli selvatici rispetto alla protezione delle specie autoctone e degli habitat dei bacini montani, superando il  piano di gestione del parco nazionale Kosciuszko del 2006 che identificava ” horse areas” e  introduce la gestione da parte di un Community Advisory Panel che preclude il coinvolgimento di scienziati o gestori di aree protette professionisti.  I ricercatori della Australian Academy of Science, the Fenner School of the Environment and Society dell’Australian National University e della Dakin University denunciano che «La legge compromette l’integrità del National Parks and Wildlife Act del NSW e minaccia lo status del Parco come luogo dichiarato patrimonio nazionale».

Uno dei firmatari del Kosciuszko Science Accord, Jamie Pittock del’Australian National University, ha detto a Nature che approvare quella legge è stata «una decisione sconvolgente che ignora 70 anni di ricerca scientifica nelle Alpi da parte di alcuni dei più grandi scienziati australiani, La popolazione di cavalli selvatici nelle Alpi australiane sta aumentando drammaticamente e sta causando enormi danni».

Un portavoce del vicepremier del New South Wales John Barilaro (National Party of Australia, destra), che proposto la legge in parlamento, ha detto che «Nei prossimi mesi verrà implementato un nuovo piano di gestione dei cavalli selvaggi che ha lo scopo di trovare un equilibrio tra il controllo umano della popolazione degli animali e la conservazione delle aree sensibili del Kosciuszko National Park». Ma ha respinto la richiesta degli scienziati: «Nessuno vuole vedere i cavalli sparati dal cielo e lasciati lì a morire per settimane».

A questa scelta politica e sentimentale  gli scienziati e l’Australian Academy of Science contrappongono i documenti e gli studi presentati alla Conferenza di  Canberra e che, dopo essere stati sottoposti a peer review, saranno pubblicati su Ecological Management and Restoration.