Biodiversità, il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano premia le tesi di laurea

Premi di ricerca a Lorenzo Flamini, Giulio Colombo e Lorenzo Lazzaro

[18 ottobre 2016]

tesi-biodiversita-arcipelago-toscano

Sono state premiate le tesi di laurea che hanno superato la selezione del “Bando  per la concessione di due premi di ricerca inerenti la biodiversità e lo sviluppo sostenibile nel territorio del PNAT” finanziato dal Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e dalla Banca di Credito Cooperativo dell’Elba. Hanno partecipato al bando 16 candidati, di cui 4 residenti nell’Arcipelago Toscano.

Il Bando prevedeva l’assegnazione di 2 premi di ricerca da 2.000 euro ciascuno per «contribuire all’approfondimento delle conoscenze e delle ricerche scientifiche inerenti la biodiversità e la pianificazione dello sviluppo sostenibile nel territorio protetto del Parco Nazionale Arcipelago Toscano» ed era riservato, in via prioritaria, a candidati residenti nei Comuni dell’Isola d’Elba, dell’Isola di Capraia e dell’Isola del Giglio. L’iniziativa rientrava nella programmazione 2015-2019 della Carta europea del turismo sostenibile

Alla presenza del Presidente del Parco  Giampiero Sammuri, del presidente della Banca di Credito Cooperativo dell’Elba Luca Bartolini, sono state illustrate le tesi  che sono state premiate «per originalità, metodo di lavoro, contributo all’analisi gestionale per l’Ente, ricerca e sperimentazione sul campo».

Il primo premio di 2.000 euro  è stato assegnato a Lorenzo Flamini di Portoferraio per la tesi “Studio floristico vegetazionale della spiaggia di Lacona (Capoliveri) ai fini di un’ipotesi di riqualificazione ambientale” Laurea magistrale in “Progettazione e gestione del verde urbano e del Paesaggio” dell’Università di Pisa;

il secondo premio ex aequo di 1.000 euro è andato a Giulio Colombo, di Portoferraio, per la tesi “Caratteri stratigrafici e strutturali dell’aureola termometamorfica del plutone di Montecristo (Arcipelago Toscano, Italia)”, Laurea magistrale in “Scienze e Tecnologie Geologiche” dell’Università di Firenze; e a Lorenzo Lazzaro, di Firenze, per la tesi “Plant invasions in mediterranean island ecosystems. Impact to biodiversity and risk of invasion in the Tuscan Archipelago: from ecology to management”, Dottorato di Ricerca in Etologia, Ecologia, Antropologia e Biosistematica (XXVII ciclo) dell’Università di Firenze.