Cammini della bellezza in Toscana, dal 2 al 5 giugno Voler Bene all’Italia

La festa dei piccoli comuni promossa da Legambiente con il patrocinio della Regione

[1 giugno 2016]

Voler bene all'Italia

Dai paesaggi marini e montani al cuore della via Francigena c’è un’Italia minore tutta da scoprire a piedi ripercorrendo i cammini storici e religiosi, le antiche vie della transumanza, i sentieri sterrati circondati da paesaggi mozzafiato e borghi unici, custodi del nostro patrimonio storico-artistico, naturale ed enogastronomico.
E’ quello che propone Legambiente nell’anno dei cammini indetto dal Mibact con Voler Bene all’Italia 2016, la festa dei piccoli comuni nel ponte del 2 giugno, proprio durante la Festa della Repubblica, per dar voce e spazio a quei territori minori che oggi rischiano di scomparire.

Uno degli appuntamenti clou in Toscana sarà nel piccolo comune di Fivizzano (MS), il giorno 2 giugno, con un itinerario che interesserà la  via del Volto Santo nella Valle del Rosaro, variante dell’antica Francigena che da Pontremoli conduceva a Lucca attraversando Lunigiana e Garfagnana. Un percorso fatto di castelli, antichi mulini, chiese romaniche, l’opificio dove si prepara la china e sapori locali. La giornata sarà dedicata nella prima parte della mattina alla visita di alcuni monumenti come il Borgo nel castello della Verrucola, il Mulino Rossi, la Chiesa Romanica di Pognana. Nel pomeriggio, invece, la giornata seguirà con la visita guidata e degustazione all’antico opificio della China del Dott. Clementi (h.15), visita alle Mura medicee e Centro storico di Fivizzano (h.16) e infine il rientro alla Rassegna dei prodotti tipici ‘Sapori’.
Per rimanere sempre nello stesso territorio, il giorno 12 giugno, Legambiente insieme al Comune di Fosdinovo (MS), al Parco Nazionale dell’AppenninoTosco-Emiliano e con la collaborazione di: Pro Loco Fosdinovo, Cooperativa AlterEco, Assoc. FosdiNuovo, Assoc. Raglio Forte, Produttori di Fosdinovo e dell’Area MaB UNESCO Appennino, Kyoto Club e il supporto di Menowatt GE promuovono la giornata: la Porta MaB UNESCO dell’Appennino con itinerrario di bellezza che avrà per tema Francigena: la variante sul mare con un escurione-inaugurazione della zona interessata. In mattinata (h.9,30) si partirà dal borgo di Fosdinovo (Torre Malaspina) dove alle ore 10 seguirà l’incontro sul tema Fosdinovo: la Porta MaB UNESCO dell’Appennino. Biodiversità, Turismo e sostenibilità dello sviluppo, un percorso verso le ‘Smart Lands’ alla presenza delle autorità. Mentre alle ore 11 ci sarà la staffetta con gli asini di ‘Raglio Forte’ al Monte Carboli fino al borgo medioevale di Fosdinovo. Infine il borgo si animerà a  festa (h.12/17) con esposizione e degustazione di  prodotti locali quali Vermentino dei Colli di Luni DOC, prodotti della Riserva MAB UNESCO dell’Appennino Tosco-Emiliano. Non mancheranno attrattive come la performance in costume medioevale, animazione con gli asini, visite guidate al castello e borgo medioevale.

Tra le altre iniziative di punta si svolgerà, il 12 giugno, in località Casina Mattioli nel comune di Montignoso (MS) la Festa del Lago. Tema della giornata sarà “Proteggi la Natura e Abbraccia il Lago di Porta”, con visiste guidate al bosco allagato e a seguire (h.16.30) il grande abbraccio al lago di Porta con merenda condivisa.

L’appuntamento all’Isola d’Elba è il 2 giugno alle 10,30 a Monte perone per la Festa delle Farfalle, con escursione guidata al Santuario delle Farfalle Ormella Casnati e poi panzanella, tonnina e vino doc per tutti.  Anche in Maremma è Festa dei piccoli comuni. Ecco il programma:

Pitigliano 2 giugno: Visita guidata al centro storico di Santa fiora, al parco Giardino della pescheria e al Museo di Santa Fiora. Contributo per la guida ambientale di 5 euro (gratuito sotto i 16 anni), partenza davanti al Comune di Santa Fiora alle ore 10 (piazza Garibaldi, 25). Prenotazione richiesta: 328.1113419. Dal 2 al 5 giugno: Ingresso gratuito al Museo delle miniere di Santa Fiora. 5 giugno: Su e giù per le Vie cave etrusche: una passeggiata tra storia, natura e sapori tradizionali. Partenza alle ore 9,30 rientro previsto ore 16,30. Percorso di circa 8 km di media difficoltà: consigliato abbigliamento da trekking. Colazione e pranzo all’aperto con prodotti enogastronomici della tradizione pitiglianese e grigliata di carni locali, guida ambientale e assistenza percorso. Bambini fino a 10 anni gratis. Info e prenotazioni: 333.1081023 e maendi1@libero.it.

Capalbio – 5 giugno: Visita guidata al centro storico di Capalbio, appuntamento ore 10,30 in piazza Giordano, visita guidata gratuita. Visita guidata al Giardino dei tarocchi, ritrovo ore 17,00 alla biglietteria (guida gratuita, escluso il ticket d’ingresso al Giardino dei tarocchi). Ri.vivi Capalbio 1959, appuntamento nel centro storico. Revival capalbiese di mestieri, usi e costumi degli anni ’50, programmata una serata musicale anni ’50 a piazza della Provvidenza. Il mercato di Campagna amica Coldiretti, le eccellenze agroalimentari del territorio, appuntamento in piazza Giordano. Visite guidate all’oasi del Wwf del lago di Burano; partenza ore 10,00, durata prevista 3 ore,  ingresso ridotto 6€, ingresso residenti 3 €, prenotazione obbligatoria, max 40 persone (info: 0564898829). Le tentazioni della pittura, mostra personale di Bruno Pellegrino. Appuntamento alla galleria “il frantoio”. Orario 10-12,30 e 16,30-21.

Castell’Azzara, 5 giugno: Villa sforzesca opening 1576-2016: a 440 anni dalla fine dei lavori di costruzione, i cancelli di Villa sforzesca si aprono per raccontare la storia della famiglia Sforza e della contea di Santa Fiora. Un luogo unico, in cui la grande storia si incontra con le vicende locali, in quelle terre di confine tra Toscana e Lazio, tra Amiata e Maremma, popolate da condottieri, cardinali, papi, re e briganti.  Info:protocollo@comune.castellazzara.gr.it – 0564.951038.

Arcidosso, 5 giugno: Passeggiata dedicata al bosco, all’acqua e all’aria. La manifestazione è organizzata dal Consorzio forestale dell’Amiata in collaborazione con l’unione dei Comuni montani Amiata grossetana. Lunghezza del percorso 9 km. Programma: ore 8,30 ritrovo in località Mandrioli Comune di Seggiano (Gr) e partenza ore 9; ore 11,00 arrivo alla sorgente dell’Ermicciolo Vivo D’orcia (Si) e visita all’acquedotto del Fiora. Ore 11,45 partenza, ore 13,30 arrivo all’area di sosta località Mandrioli e pranzo. Ore14,30 celebrazione Santa messa, alle 15,30 comunicazione stato della certificazione forestale pefc sul territorio gestito dal Consorzio forestale dell’Amiata ed eventuale dibattito. Gradita la prenotazione.

Montieri, 25 giugno: Il piacere della riscoperta – il percorso per la tutela: sabato 25 giugno ore 16,30, Casa rurale ex Croce rossa, Gerfalco. Organizzato dal Comune di Montieri. Festival delle viole (Accademia musicale del Castello di Gerfalco): alle ore 16,30 il dottor Paolo Ceccarelli, Università di Ferrara, presenterà il progetto Unesco “paesi minori” in cui è stato inserito il borgo di Gerfalco tra i venti paesi del mondo selezionati per lo studio dei paesi rurali. Programma: ore 17,15 Viola da gamba come strumento dimenticato. Ore 18,15 presentazione “Luci e ombre nella tavola del ‘600. Alla scoperta di ricette e sapori dimenticati”. Ore 19 concerto in memoria di Francesco Chiocci, Chiesa di San Biagio.

Fausto Ferruzza, presidente di Legambiente Toscana,  conclude: «L’obiettivo di Voler Bene all’Italia – – è infatti quello di riaccendere i riflettori sulle piccole realtà rurali, di ricordare il grande valore e le potenzialità che hanno, e di raccontare allo stesso tempo coi cammini della bellezza un turismo di qualità, più sostenibile e rispettoso dei paesaggi e delle identità locali e incentrato sulla mobilità dolce. Un tema quello del rilancio culturale dei cammini storici ripreso anche dal Governo: Franceschini ha indetto infatti l’Anno dei Cammini e nel Piano strategico per la Cultura e il Turismo ha stanziato allo scopo oltre 60 milioni di euro; mentre il ministro delle infrastrutture Delrio nell’ultima legge di stabilità ha stanziato 90 milioni di euro per lo sviluppo di alcune ciclovie, destinandone ben 3 allo sviluppo della rete dei cammini. Per questo, è importante che l’Italia abbia il coraggio di scommettere sulla bellezza e sulla forza di questi territori, perché significherebbe investire sul futuro. Per rivitalizzare e rilanciare questi borghi, oltre a partire dalle esperienze locali, occorre definire politiche e strategie ad hoc, attraverso ad esempio progetti di rigenerazione urbana, di efficientamento energetico, di green economy e di turismo sostenibile, per trasformarli in realtà più solide e innovative».
Proprio per rilanciare i piccoli comuni, Legambiente e le comunità locali hanno scritto una lettera al Presidente della Camera Laura Boldrini per chiedere che si definisca al più presto una strategia nazionale che metta al centro i territori dei piccoli comuni. In particolare nella lettera viene chiesto di affrontare con strumenti adeguati e moderni la manutenzione e la valorizzazione del territorio, di sbloccare la strategia per le green communities prevista nel collegato ambientale, e di puntare sulla generazione distribuita da rinnovabili e dal risparmio energetico diffuso.