Legambiente: «La Regione Marche chiarisca su modalità d’istituzione e Valutazione d’incidenza ambientale»

Campo gara di pesca sul fiume Tronto, nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini

A rischio la biodiversità e le popolazioni autoctone di trota mediterranea delle Marche

[9 aprile 2018]

La Regione Marche ha deciso di istituire un campo gara temporaneo lungo un tratto del fiume Tronto, dal confine con la Provincia di Rieti fino al bacino idroelettrico di Trisungo, nel Comune di Arquata del Tronto, un’area dove le misure di conservazione riguardanti i Siti Natura 2000 stabiliscono che qualsiasi attività che possa avere un impatto significativo sulla conservazione degli habitat e delle specie sia soggetta ad una Valutazione d’Incidenza, come stabilito dall’Art. 6 della Direttiva Habitat.

Per questo Antonio Nicoletti, responsabile nazionale aree protette e biodiversità di Legambiente, e Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche, chiedono «con urgenza che la Regione Marche chiarisca la questione relativa all’istituzione di un  campo di gara temporaneo per lo svolgimento di attività agonistiche di pesca sportiva sul fiume Tronto. In considerazione della normativa vigente regionale e nazionale in questo tratto, infatti, non è in alcun modo possibile istituire un campo di gara senza una preventiva Valutazione d’Incidenza, visto che l’area in questione è interessata dal territorio del Parco Nazionale dei Monti Sibillini nonché dalla Zsc (zona speciale di conservazione) “Boschi ripariali del Tronto».

Secondo il Cigno Verde la decisione della Regione è assurda e Nicoletti e Pulcini aggiungono: «Chiediamo, quindi, alla Regione di farci sapere se questa Valutazione è stata o meno effettuata,  visto che ciò potrebbe portare all’apertura di una procedura d’infrazione davanti alla Commissione Europea. Ci preme inoltre sapere se l’istituzione di questo campo di gara comporti anche l’immissione di trote, per la quale ricordiamo l’obbligo di attenersi alle normative nazionali, come il DPR 357/1997, il cui art. 12 sancisce “sono vietate la reintroduzione, l’introduzione e il ripopolamento in natura di specie e popolazioni non autoctone” e alla stessa normativa Regionalevigente (Legge regionale delle Marche 3 giugno 2003, n. 11 art. 18), la quale fa esplicito divieto all’utilizzo di specie e di popolazioni alloctone».

Legambiente ricorda che «Qualsiasi attività non sostenibile in aree di pregio, come quelle situate all’interno del Parco nazionale dei Monti Sibillini e del vicino Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, rappresenterebbe una grave ferita all’integrità biologica delle popolazioni autoctone di trota mediterranea delle Marche e un grosso rischio per la biodiversità».

Nicoletti e Pulcini concludono: «Alla luce dei gravissimi danni ambientali che potrebbero verificarsi a causa di un’errata gestione delle attività di pesca sportiva, urge a livello regionale un cambiamento nelle politiche piscatorie che tenga conto dell’osservanza della legislazione vigente e di un corretto approccio scientifico».