Cina: elefante dichiara guerra alle auto in sosta

L’elefantessa Zhusunya attacca le auto ai confini di una riserva dello Yunnan

[17 febbraio 2016]

Elefante Cina

In tutta la Cina sono rimasti meno di 300 elefanti asiatici (Elephas maximus) selvatici, una specie protetta a livello nazionale, ma i forestali e la polizia della provincia cinese sud-occidentale dello Yunnan non sanno come fare a contenere  un’elefantessa che negli ultimi 4 giorni ha attaccato per tre volte le auto in sosta lungo una strada.

L’ultimo attacco dell’elefante lungo la G213, che costeggia la Riserva di Yexianggu  (Riserva della Valle degli elefanti selvatici),  è avvenuto il pomeriggio del 15 febbraio e ha danneggiato 9 auto. Questo irascibile pachiderma aveva già  colpito  una ventina di auto e il 12 e il 14 febbraio, senza fare vittime.

Oggi l’agenzia ufficiale cinese Xinhua spiega che, secondo la polizia locale, «Questo animale è stato probabilmente provocato dalla crescente presenza di esseri umani nel suo habitat naturale durante le vacanze di primavera».

Le autorità della prefettura autonoma di Dai du Xishuangbanna hanno incaricato degli specialisti di seguire gli spostamenti degli elefanti selvatici per allertare i turisti e gli abitanti dei villaggi in caso di presenza di pachidermi che si dirigono verso la G213, che passa a meno di 300 metri dai confini della Riserva degli elefanti. Inoltre gli elefanti diventano più attivi dopo l’inizio della stagione secca e a quanto pare la presenza di auto li irrita.

L’elefantessa a cui non piacciono le auto, che è stata chiamata Zhusunya, dopo aver abbandonato la zona turistica della riserva di Yexianggu, il 12 febbraio ha fatto il suo irritato ingresso sulla strada principale della prefettura autonoma di Dai de Xishuangbanna e, in 20 minuti, ha attaccato 15 auto, dopo essersi sfogata è tornata nella riserva a fare uno spuntino.

Dopo il primo attacco la polizia locale e lo staff del sito turistico hanno fatto allontanare i turisti e chiuso le strade vicine, sperando così di calmare l’elefantessa, ma nei giorni successivi, appena sono riconparse le auto dei turisti, Zhusunya ha sferrato altri attacchi.

Il sito turistico di Dai du Xishuangbanna ha riservato dei passaggi speciali agli elefanti che vengono tenuti sotto controllo dal personale della Riserva er proteggere gli attraversamenti dei pachidermi. A quanto dicono gli operatori turistici della zona, è raro che un elefante esca da questi sentieri protetti ed entri sulla strada principale, ma Zhusunya sembra aver dichiarato guerra alle auto che minacciano la sua riserva… e forse non ha tutti i torti.