Il cordoglio di Legambiente e Wwf per la guardia ambientale volontaria assassinata

Contro i bracconieri un lavoro spesso sconosciuto, pieno di pericoli e sacrifici

[10 aprile 2017]

Legambiente  torna a esprimere esprime cordoglio e dolore per l’assassinio del suo  socio Valerio Verri,  volontario che prestava attivamente il proprio impegno come Guardia Ecologica

«Valerio -. Ricorda l’associazione ambientalista – residente a Portomaggiore, da tempo svolgeva attività di vigilanza ittica e venatoria nelle zone del ferrarese, spesso in stretto collegamento con la Polizia Provinciale. E’ stato proprio durante questa sua attività di volontariato a tutela dell’ambiente nella zona del Mezzano, che si è imbattuto nell’assassino, il latitante ricercato dalle forze dell’ordine per la rapina e omicidio ai danni di un barista di Budrio. L’associazione a tutti i livelli, esprime la più forte vicinanza alla famiglia. Allo stesso modo esprime vicinanza a Marco Ravaglia il membro della Polizia Provinciale, ferito dall’assassino, nello stesso episodio. Ravaglia condivideva da tempo rapporti di stima e collaborazione con Valerio Verri».

Anche il Wwf esprime il suo cordoglio per l’uccisione della guardia ambientale volontaria di Legambiente e ricorda che «Quello delle guardie ambientali volontarie contro i bracconieri è un lavoro spesso sconosciuto, pieno di pericoli e sacrifici: una lotta quotidiana contro i crimini di natura che ancora oggi rapinano e degradano il nostro patrimonio naturale e per difendere gli animali, spesso rari che vengono cacciati illegalmente. Siamo vicini alla famiglia di Valerio Verri alla quale il Wwf  esprime le più sentite condoglianze; all’agente della polizia provinciale, Marco Ravaglia, l’augurio di una rapida guarigione. Auspichiamo che il criminale che, oltre ad essersi macchiato di questo orrendo crimine sarebbe anche il responsabile del tremendo omicidio di Budrio, venga al più presto assicurato alla giustizia e che si ponga fine a questa orribile scia di sangue».