Cosa c’è nel tuo Whiskas? Cibo per gatti e tonno cattivo (VIDEO)

Il vostro gatto mangia tonno cattivo? Nelle scatolette anche lavoro forzato e danni ambientali

[16 marzo 2016]

Wiskas

Il tonno non è solo il tonno come lo conosciamo- come ripieno di un panino o del sushi – è anche quello che stanno mangiando i nostri animali domestici.

Dalle navi del gigante del tonno Thai Union – perseguitata da storie di abusi dei diritti umani, di sfruttamento dei lavoratori e pesca distruttiva – vengono scaricate ogni anno centinaia di migliaia di scatole di cibo per gatti per la Mars, contenenti tonno e altri prodotti del mare.

Anche se è più famosa per lo spaccio delle barrette Mars, la Mars è anche la più grande azienda alimentare per animali da compagnia del pianeta. Possiede molti dei marchi di cibo per animali che vedete al supermercato o dal vostro veterinario, tra i quali  Whiskas, Iams e Dine. E tutti utilizzano  tonno e altri prodotti del mare provenienti dalla Thailandia.

Molti dei prodotti a base di tonno sono cibo per gatti top shelf gourmet, con nomi come “Filetti di tonno e gamberi interi in una salsa di pesce” e “Tender Tuna”, e sono commercializzati con le immagini di soffici gattini che non possono fare alcun danno a qualcosa o qualcuno. Nel frattempo, abbiamo sentito  le storie  dei  pescatori  che catturano il tonno, che mangiano le esche, che lavorano per turni di 20 ore e che subiscono un terribile bullismo.

L’utilizzo di manodopera a basso costo e, talvolta, non pagata, è alla base della distruzione dei nostri oceani. Le Tuna companies hanno poco riguardo per i diritti umani e spesso hanno poco riguardo per l’ambiente. Compagnie come la Thai Union utilizzano metodi di pesca indiscriminati e distruttivi che catturano e uccidono un gran numero di squali, novellame di tonno e anche razze e tartarughe. Un grande modello di business eh?

La cosa diventa ancora più scioccante se si pensa che gran parte di questo sta accadendo per nutrire i gatti.

Un recente  articolo del New York Times  ha confermato che i prodotti ittici Iams vengono prodotti in un  conservificio Thai Union, dove è stato scoperto che viene trasformato il pesce dalle barche che utilizzano il lavoro della tratta di esseri umani e forzato.

E siamo preoccupati perché non finisce qui.

Abbiamo ripetutamente chiesto a Mars quale sia la sua connessione con Thai Union e da dove provengano i prodotti di mare nel Whiskas, ma finora Mars non è riuscita a rispondere. E se Mars non ci dirà questo, come possono gli acquirenti di cibo per animali domestici essere sicuri che non stanno sostenendo la schiavitù?

È per questo che stiamo chiedendo all’opinione pubblica di aiutarci a fare a Mars una domanda semplice, “Cosa c’è nel tuo Whiskas?”

Alcune pet food companies, come Nestlé, hanno riconosciuto le violazioni dei diritti umani nella loro catena di approvvigionamento e hanno cambiato passo. Pensiamo che per Mars sia arrivato il momento di diventare pulita e fare lo stesso.

La verità è agghiacciante: è molto difficile sapere dove provengono i prodotti di mare dentro una particolare lattina di cibo per gatti. Le catene di approvvigionamento sono torbide e l’etichettatura è scarsa, rendendo quasi impossibile dire se una particolare scatoletta di cibo per gatti è prodotta da una forza lavoro forzata o  o abusata. Anche escludendo la Thai Union, è impossibile essere sicuri che una catena di rifornimento sia pulita al 100%. Bisogna mettere in discussione tutto.

Sia che amiate i gatti o che pensiate che siano un disastro ambientale, il punto è che alcune global corporates stanno riempiendosi le tasche da molto tempo. E lo stanno facendo senza preoccuparsi di nient’altro:  i pescatori, il tonno o di come i loro clienti potrebbero sentirsi riguardo al modo in cui viene catturato.

Il cibo per gatti non è un piccolo mercato, negli Usa mangiano quasi il doppio di pesce delle persone. Nel frattempo, gli stock di tonno si stanno rapidamente esaurendo e le persone in tutto il mondo muoiono di fame. C’è qualcosa di molto sbagliato.

Se sei il proprietario di un animale domestico, è possibile utilizzare il tuo potere d’acquisto per rifiutare le marche che servono al tuo gatto il tonno cattivo. Come primo passo, è il momento che Mars ci dica da dove vengono i suoi prodotti del mare e come garantisce che lungo la strada non vengano sacrificati i diritti umani e nostri oceani.

Unitevi a noi e inviate una e-mail a Mars, chiedendo che l’alimentazione dei gatti non avvenga con il tonno cattivo.

Kate Simcock

Oceans Campaigner di Greenpeace New Zealand

Videogallery

  • Cats Vs BadTuna