Dalla lobby delle armi parte la crociata contro il divieto delle munizioni di piombo

La potente National rifle association attacca la "rete ombra" di ambientalisti e zoo

[8 agosto 2013]

La National rifle association (Nra) Usa è una nota e potentissima lobby conservatrice che teorizza la libertà assoluta di possesso di armi di ogni tipo e che vede come fumo negli occhi la proposta di Barack Obama di limitare almeno il libero uso delle armi di assalto, ma ora questo gruppo di fanatici che tanto conta in America, e che condiziona le politiche del Partito Repubblicano, ha deciso di lanciare una nuova crociata nel nome della libertà individuale: questa volta il bersaglio sono gli ambientalisti che vogliono mettere al bando proiettili di piombo.

All’Nra non gliene frega nulla che, secondo numerosi studi, negli Usa muoiano ogni anno 20 milioni di uccelli, tra i quali anche i rarissimi condor della California strappati all’estinzione da costosi programmi di allevamento e reintroduzione in natura, per avvelenamento da piombo, dopo l’ingestione di frammenti di proiettili o pallini da caccia. Come ha già scritto greenreport.it, secondo il rapport “Health Risks from Lead-Based Ammunition in the Environment – A Consensus Statement of Scientists” al quale hanno lavorato numerosi tossicologi statunitensi, le munizioni sono probabilmente la più grande fonte non regolamentata di piombo rilasciato nell’ambiente, per questo alcuni stati, in particolare la California, stanno pensando a norme che mettano fuori legge l’uso del piombo nelle munizioni da caccia. Cosa che hanno già fatto diversi Stati europei, soprattutto per la caccia esercitata nelle Zone umide.

Ma l’Nra ha messo i promotori del bando nel mirino ed ha lanciato una campagna chiamata senza vergogna “Hunt for Truth” per combattere contro «L’assalto alle munizioni tradizionali di piombo». I fanatici delle armi hanno così scatenato la caccia ad associazioni e persone, per lo più scienziati, organizzazioni ambientaliste ed agenzie governative, accusandole di aver sferrato «Un attacco ingiustificabile ai valori americani», che evidentemente comprendono l’avvelenamento al piombo di acqua, terra ed animali.

L’Nra è scatenate nonostante tutti i dati e le esperienze europee dimostrino che la sostituzione delle munizioni di piombo non causerebbe praticamente nessun problema ai cacciatori: i produttori di munizioni hanno già grande disponibilità di munizioni senza piombo che hanno dimostrato di essere efficienti come quelle che contengono questo elemento altamente tossico.

Ma allora perché l’Nra, impegnata nella battaglia per la libertà assoluta di comprare ed usare armi di qualsiasi calibro e tipo (che negli Usa sono meno regolamentate dei giocattoli), si è buttata a corpo morto In questa battaglia pro-piombo? Lo spiega bene Claire Thompson su Grist: «Con lo scopo di radunare i suoi membri per opporsi alla regolamentazione del piombo, L’Nra ha descritto una teoria della cospirazione che coinvolge scienziati malvagi, ricerca fasulla ed una rete oscura di organizzazioni non profit, giardini zoologici ed agenzie governative, tutti cospirano per vietare la caccia».

La cospirazione di liberal/ambientalista è una fissazione dell’Nra  che ha detto apertamente che «Una fazione militante della comunità scientifica ha costituito una rete altamente organizzata per condizionare il pensiero dei ricercatori sull’agenda per vietare le munizioni di piombo. Al fine di contrastare questa minaccia incombente, “Hunt for Truth” denuncerà i ricercatori collegati alla “faulty science” e chi critica le munizioni di piombo».

E’ abbastanza incredibile che la lobby delle armi dia patenti di correttezza scientifica ed è preoccupante che stia stilando l’indice di chi fa cose che non le sono politicamente gradite. Nella lista dei nemici  dell’Nra non ci sono solo gli scienziati, ma anche lo Zoo di San Diego ed associazioni ambientaliste come il California Condor Recovery Team. L’Nra accusa queste organizzazioni: «hanno una notevole influenza su molti legislatori e regolatori che utilizzano per “catturare” le agenzie di regolamentazione ed i  burocrati responsabili delle restrizioni delle munizioni di piombo».

E’ quasi comico che una potentissima e ricchissima organizzazione come l’Nra, forse la più potente lobby statunitense, che ha ai suoi ordini e nelle sue fila decine e decine di deputati e senatori,  accusi le Ong  ambientaliste di controllare il processo legislativo.  Come sottolinea la Thompson, «Lo zoo di San Diego e California Condor Recovery Team possono solo sognare di avere anche la più piccola frazione della “notevole Thompson” che brandisce l’Nra. Ma ehi, queste sono persone che pensano che saremmo tutti più al sicuro con più armi, non con meno. Posso solo immaginare il tipo di paranoia che deve andare di pari passo con questa mentalità. Anche se sono affascinata dall’idea di una rete oscura rete sotterranea di giardini zoologici, suona inquietante. Qualcuno chiami M. Night Shyamalan. o Scooby Doo».