Elba, boe per le immersioni subacquee per difendere i fondali dalle ancore

Lo chiede Gentili (Sel) a Marciana Marina

[20 settembre 2013]

Francesco Gentili (Sel), consigliere di minoranza di Marciana Marina – Elba –  ha chiesto  al Consiglio Comunale, «di individuare un’area dove poter collocare delle boe per evitare l’ancoraggio delle unità da diporto e per le imbarcazioni dei diving».

Per questo ha presentato una mozione nella quale si legge: «Considerato che durante la stagione turistica sono molte le imbarcazioni che per scopi ludici e sportivi come ad esempio le immersioni subacquee si ancorano nello specchio acqueo fra la punta del nasuto e la Cala; che ogni volta che viene calata un’ancora questa potrebbe portare un danno all’ecosistema marino; che non sempre l’ancoraggio può definirsi sicuro specialmente in caso di cambiamento improvviso delle condimeteo; che un servizio di boe libere e sicure è sicuramente a vantaggio dell’immagine e dell’offerta turistica del nostro paese; che i costi per l’istallazione delle boe potrebbero essere sostenuti dalle aziende turistiche che operano nel settore o che intendano sponsorizzare l’iniziativa; Chiede di deliberare di dare mandato alla Giunta comunale: di attivare le procedure finalizzate alla studio e all’elaborazione del progetto per l’istallazione di alcune boe “libere” per l’ormeggio delle imbarcazioni per soli scopi ludici e sportivi nell’area marittima che va dalla Punta del Nasuto alla Cala».