Estinzione delle specie: il riscaldamento globale aumenta l’effetto domino

Se non si tiene conto di questo effetto a cascata le estinzioni potrebbero essere sottostimate fino a 10 volte

[30 novembre 2018]

Secondo lo studio “Co-extinctions annihilate planetary life during extreme environmental change”, pubblicato su Scientific Report da Giovanni Strona, del Joint Research Centre (Jrc) cdella Commissione Ue , e Corey J. A. Bradshaw, dell’ARC Centre of Excellence for Australian Biodiversity and Heritage, Global Ecology, della Flinders University, «La complessa rete di interdipendenze tra piante e animali moltiplica le specie a rischio di estinzione a causa di cambiamenti ambientali». Strona e Bradshaw avvertono che «Nel caso del riscaldamento globale, le previsioni che non tengono conto di questo effetto a cascata potrebbero sottostimare le estinzioni fino a 10 volte».

Al Jrc spiegano che «Come ovvia conseguenza diretta del cambiamento climatico, le piante e gli animali che vivono in una determinata area sono portati all’estinzione quando le condizioni ambientali locali diventano incompatibili con i loro limiti di tolleranza, proprio come i pesci in un acquario con un termostato rotto. Tuttavia, ci sono molti fattori elusivi della perdita di specie che vanno al di là degli effetti diretti del cambiamento ambientale (e dell’attività umana), che ancora si fatica a capire. In particolare, sta diventando più chiaro che la co-estinzione (la scomparsa dei consumatori a seguito dell’esaurimento delle risorse) potrebbe essere uno dei principali responsabili della persistente crisi della biodiversità. Mentre il concetto di co-estinzione è supportato da un solido e solido background teorico, è spesso trascurato nella ricerca empirica perché è estremamente difficile da valutare».

Il nuovo studio affronta  questa sfida per cercare di determinare l’importanza delle estinzioni in condizioni di cambiamento ambientale come quella che stiamo vivendo. Strona e Bradshaw hanno realizzato 2,000 “Virtual Earths”, che hanno popolato con migliaia di piante e animali organizzati in un sistema globale di reti alimentari interconnesse. Poi hanno sottoposto queste Terre virtuali a percorsi di cambiamento ambientale estremi, con un “riscaldamento globale”, cioè un aumento lineare e monotono della temperatura, o un “inverno nucleare”, cioè un raffreddamento progressivo, come quello che potrebbe far seguito a una guerra nucleare o a un impatto di un asteroide.

In ogni mondo virtuale e scenario hanno poi ricercato la perdita della biodiversità delle specie, fino al completo annientamento della vita.

Nel primo scenario, hanno rappresentato solo l’estinzione di una specie quando la temperatura diventa troppo alta o troppo bassa per essere tollerabile da quella specie. Nel secondo scenario, partendo dalle estinzioni innescate dal disallineamento tra i limiti di tolleranza della temperatura locale e le specie, hanno simulato anche le estinzione a cascata tra le specie.

Confrontando i due scenari, Strona e Bradshaw hanno potuto  fornire una stima quantitativa dell’importanza delle estinzioni nella perdita di biodiversità planetaria e hanno così scoperto che «Non tenere conto delle interdipendenze tra le specie ha portato a sottostimare fino a 10 volte la portata delle estinzioni di massa innescate dal cambiamento climatico».

Secondo Strona, «Gli ambientalisti e i decisori politici devono uscire velocemente da un approccio specie-specifico e guardare con crescente attenzione alle reti di interazione delle specie come obiettivo fondamentale della conservazione. Ogni volta che una specie scompare dal  nostro pianeta, perdiamo molto più di un nome su un elenco».

Lo studio ha anche analizzato il peggior scenario possibile del riscaldamento globale e, secondo le simulazioni, 5 – 6° C di riscaldamento sarebbero sufficienti a spazzare via la maggior parte della vita sulle Terre virtuali create dagli scienziati. Strona riconosce che «A causa delle molteplici sfide legate alla realizzazione di sistemi ecologici globali realistici, ci sono evidenti limiti nel nostro ambizioso modello. Da un lato, i nostri risultati sono coerenti con i modelli del mondo reale per i quali abbiamo prove empiriche. Questo ci rende fiduciosi che le molte ipotesi che abbiamo dovuto fare per costruire un modello funzionale sono solide. D’altra parte, tuttavia, sarebbe fuorviante concentrarsi solo sui numeri grezzi».

Quel che non è chiaro è che una Terra in via di riscaldamento eserciterà una crescente pressione sulla biodiversità del pianeta e se le estinzioni contribuiranno a tale impatto. E al Jrc concludono: «Mentre è improbabile che la Terra diventi più calda di 5 – 6° C nel prossimo futuro, è abbastanza probabile che le temperature globali continueranno ad aumentare».