Favignana vuole riaprire la tonnara, le Egadi chiedono le quote del tonno rosso

D’accordo anche l’Area marina protetta Isole Egadi

[24 febbraio 2015]

Il Comune di Favignana e l’Ara marina protetta Isole Egadi hanno scritto al ministero delle politiche agricole ed alle altre autorità competenti per chiedere che vengano riassegnate le quote tonno anche alla tonnara di Favignana.

Amp e Comune sottolineano che «L’iniziativa nasce dal desiderio di ridare vita ad una pratica tradizionale fortemente intrecciata con il territorio, a cui è legato un passato prestigioso, alla luce dei risultati positivi di conservazione della specie (il tonno rosso è tornato a essere presente in buon numero nei nostri mari) derivanti dalle misure gestionali attuate in ambito comunitario, e dell’interesse mostrato verso la riapertura dell’impianto di Favignana da parte di potenziali gestori».

Giuseppe Pagoto , sindaco del Comune di Favignana e Presidente dell’Area Marina Protetta , spiega: «Non possiamo lasciare intentato ogni sforzo per vedere nuovamente attiva la tonnara, a cui è legata l’identità di questi luoghi; sarebbe un risultato dai risvolti importanti per lo sviluppo economico e sociale del territorio, trattandosi di un’attività di pesca che fornisce sollievo economico a molte famiglie e crea economia a livello globale. Abbiamo fatto i primi passi, sollecitando gli Organi preposti, auspicando che questo possa essere una premessa per arrivare ad un risultato positivo».

Secondo il sindaco e presidente dell’Amp, «Il ripristino della tonnara potrebbe avere ricadute positive anche in termini di sostenibilità della pesca, in accordo con la mission istituzionale dell’AMP, perché è una tipologia di pesca selettiva, concentrata in un breve periodo di tempo, e perché consentirebbe in parte di riconvertire alcune attività di pesca, da parte di quei pescatori delle isole che durante il periodo della tonnara lascerebbero la loro attività di pesca abituale».