Filmata per la prima volta in natura la battaglia tra maschi di seppia (VIDEO)

Una guerra di colori, inchiostro e morsi per conquistare la femmina

[4 maggio 2017]

Nel 2011,  Justine Allen, della Brown University, e Derya Akkaynak, dell’università israeliana di Haifa, stavano facendo un’immersione subacquea nel Mar Egeo in Turchia per riprendere e studiare  il mimetismo delle seppie europee (Sepia officinalis), quando ne hanno avvistate due che stavano iniziando ad accoppiarsi. I due cefalopodi hanno mantenuto la loro posizione di accoppiamento testa-a-testa per circa 4 minuti  e poi il maschio è rimasto a guardia della femmina che  nuotava vicino al fondo marino.

Le cose sono improvvisamente cambiate quando ha fatto a sua comparsa un altro maschio di seppia  e è iniziato uno scontro con l’altro maschio a colpi di schizzi di inchiostro.

I due ricercatori hanno potuto così girare il primo video  di una battagli tra maschi di seppie per la femmina in natura.  Questa settimana hanno pubblicato i risultati di quel singolare e fortunato incontro nell’articolo “Study reveals first recording of cuttlefish fighting over a mate in the wild” pubblicato su  The American Naturalist .

Gli scontri tra maschi di seppie erano già stati osservati dai biologi in alcuni acquari dei laboratori, ma i ricercatori non avevano mai visto questo comportamento in mare aperto. In genere, dopo l’accoppiamento, la seppia maschio scorta la femmina fecondata per aumentare  le probabilità che utilizzerà il suo sperma per fertilizzare le uova.

Nel caso delle seppie del Mar Egeo Turco, il secondo maschio ha aggredito il primo per dividere la coppia e poi ha accompagnato la femmina per un tratto, cercando di convincerla ad accoppiarsi. Quando il primo maschio si è avvicinato di nuovo, l’aggressore ha esteso il suo quarto tentacolo, ha dilatato le pupille e è diventato più scuro: un preciso e minaccioso avvertimento a fare marcia indietro.

Ma il primo maschio non si è fatto intimorire e, dopo una lotta feroce, ha battuto l’intruso ed ha riconquistato la femmina.

Allen sottolinea che le seppie  «Hanno un intero repertorio di comportamenti che utilizzano per mandarsi segnali l’un l’altra   e stiamo appena iniziando a capirne alcuni. Molta della loro lotta avviene attraverso segnali visivi. La maggior parte di queste battaglie sono in realtà delle belle, splendide esposizioni della pelle. E’ una feroce guerra di colori “.

L’eccezionale filmato ha permesso di capire che le interazioni fra seppie in natura sono un po’ più “ruvide” rispetto a quel che credevano i ricercatori :  «Siamo rimasti sorpresi da quanto erano realmente violenti e aggressivi i loro comportamenti – ha detto allen a Gizmodo –  Prima, questo era stato osservato in laboratorio, ma mai in natura. E quando era stato osservato in laboratorio, i combattimenti di solito non avevano questa aggressività …  che ci fosse così tanto inchiostro e combattimento è stato davvero ua delle cose più sorprendenti.”

Anche i morsi dati durante il combattimento sono sorprendenti, visto che le seppie hanno molto  da perdere se vengono feriti. «I cefalopodi sono davvero morbidi e vulnerabili e tendono ad evitare scontri fisici, perché se vengono feriti sul corpo questo rende loro difficile eseguire in tempo il  camuffamento o  la segnalazione gli uni agli altri», spiega ancora Allen.

Ma c’è ancora molto da imparare e capire sulla misteriosa vita delle seppie: l’eccezionale incontro in natura tra due maschi che si contendono la femmina conferma alcuni comportamenti che gli scienziati avevano in laboratorio, come ad esempio la loro strategia di combattimento. Nello studio, gli autori analizzano l’emergere e la progressione di questi comportamenti, nel contesto della teoria dei giochi.  L’idea di base è che queste creature intensifichino la lotta alla stessa velocità, fino a quando un maschio di seppia non dimostra chiaramente di essere il più forte,  facendo fuggire l’altro. Ma per confermare questa idea bisognerebbe filmare altri combattimenti tra seppie in natura  e gli scienziati sperano che non ci vorranno altri  20 anni per trovarne un altro.

Videogallery

  • Dramatic fighting by male cuttlefish for a female mate