Una frana ha ucciso Maggie, uno degli ultimi 127 kakapo viventi nel mondo

[6 giugno 2014]

I ranger neozelandesi che lavorano al Kakapo Recovery Programme a Codfish Island (Whenua Hou in maori) hanno trovato i resti di Maggie, una femmina di kakapo (Strigops habroptila)  sepolti sotto il fango ed i detriti di una frana che ha investito un sentiero. I dati dal trasmettitore installato sulla kakapo adulta hanno confermato che la sua morte è avvenuta il 20 maggio.

Codfish è una piccola isola di 1.400 ettari  al largo della selvaggia costa occidentale di Stewart Island, nell’Isola del Sud, dove vive gran parte della popolazione nidificante di kakapo e dalla quale sono stati eradicati dal 1977 tutti i predatori introdotti dall’uomo che avevano decimato i kakapo. Le altre isole predator-free dove è in corso il Kakapo Recovery Programme sono Anchor Island nel sudovest del Fiordland ed Hauturu/Little Barrier Island nel golfo di Hauraki.

Il kakapo, il pappagallo più pesante del mondo e che non è in grado di volare, è forse il più antico uccello vivente del pianeta.

«Questa è la prima morte attribuita alle forze della natura da quando è iniziato il programma – ha detto Deidre Verco, responsabile del Kakapo Recovery Programme a programma, a TV3 News.-  Ci ricorda che sono gli uccelli selvatici che vivono in un habitat selvaggio». Verco è comunque molto preoccupato per la perdita di Maggie, una femmina di 36 anni, quindi ancora con molti anni riproduttivi davanti a lei, visto che i Kakapo possono vivere più di  60 anni. Comunque i ranger del Kakapo Recovery Programme hanno raccolto il DNA di Maggie che verrà conservato insieme ad altri  campioni, nella speranza che un giorno la tecnologia permetta di reintrodurlo nelle future popolazioni di kakapo per rafforzarle geneticamente.

Nelle tre isole predator-free neozelandesi (e quindi in tutto il mondo, all’inizio di quest’anno la popolazione di kakapo era di 124 esemplari, ma poi era potenzialmente salita a 130 dopo la nascita di sei pulcini che aveva suscitato grandi speranze, ma con la morte di Maggie e con quelle precedenti di due altri kakapo, ci sono rimasti solo 127 Strigops habroptila e Verco teme che la crescita della popolazione sia in stallo perché è stata una brutta stagione per i frutti del rimu, un albero sempreverde, che sono il cibo preferito di questi uccelli.