Avanza l’ipotesi di una nuova centrale termoelettrica, ambientalisti contrari

Giannutri, si riaccendono le luci sull’isola che combatte togliendosi l’elettricità

Il Comune del Giglio riattiva la fornitura elettrica, scontro con il Consorzio

[2 gennaio 2014]

Alle 18,30 del primo gennaio è stato riattivato il servizio di produzione e distribuzione di energia elettrica sull’Isola di Giannutri, dopo l’ordinanza del sindaco dell’Isola del Giglio, Sergio Ortelli (centro-destra).  Il Comune in una nota stampa precisa che «La Sie, concessionario pubblico per il Comune di Isola del Giglio, assumerà la gestione transitoria del servizio elettrico mentre il Consorzio che aveva deciso unilateralmente la cessazione del servizio e la Siciet, attuale gestore dell’impianto, dovranno assicurare l’approvvigionamento necessario all’erogazione del servizio».

La cosa sembra destinata comunque a far discutere e ad aumentare l’attrito tra Amministrazione Comunale e Consorzio privato di Giannutri, che Ortelli attacca esplicitamente: «Si tratta  di un atto di responsabilità nell’esclusivo interesse della comunità giannutrina in modo da evitare problemi di emergenza sanitaria. Quella stessa responsabilità che avrebbero dovuto avere il Consorzio di Giannutri e il suo presidente e che invece, noncuranti delle possibili conseguenze, contravvenendo addirittura a due diffide all’interruzione del servizio, la prima dell’Amministrazione Comunale e la seconda della Asl, hanno preferito creare una situazione di grave di possibile crisi e disagio».

Il presidente del Consorzio di Giannutri Gabriele Scotto, il 30 dicembre sottolineava però che «Detta nota, peraltro, non risulta, fino ad oggi, pervenuta in nessun modo al Consorzio e ne siamo a conoscenza in via indiretta in quanto, la stessa nota, ci è stata trasmessa via mail dalla redazione del Tirreno di Grosseto».

Il Comune spiega che «Nell’ordinanza si dispone che la Società Impianti Elettrici srl prenda transitoriamente in gestione la rete di proprietà del Consorzio e assicuri l’erogazione dei servizi di distribuzione e di fornitura di energia elettrica alle utenze di consumo connesse, secondo le condizioni disciplinate dalla regolazione delle imprese elettriche minori; che il Consorzio di Giannutri, proprietario della rete di distribuzione dell’energia elettrica, metta a disposizione e consenta l’utilizzo della propria rete da parte del concessionario pubblico SIE Srl; la Siciet srl, società che gestisce l’impianto di produzione attualmente situato nell’isola di Giannutri, continui ad assicurare alla società Sie S.r.l. l’approvvigionamento dell’energia necessaria alla fornitura alle utenze finali, secondo le condizioni economiche definite dall’Autorità nell’ambito della disciplina degli impianti essenziali».

Ortelli conclude: «L’Amministrazione comunale ha lavorato incessantemente in questi mesi per individuare una soluzione definitiva che ha visto, il 20 dicembre scorso in una riunione in Provincia, la Sie srl, esaminare la procedura di autorizzazione per la realizzazione di una nuova centrale termoelettrica destinata alla produzione di energia nell’Isola di Giannutri».

Una nuova centrale termoelettrica che è già stata contestata da Legambiente che la giudica anacronistica, ambientalmente insostenibile e uno spreco in un’isola protetta dal Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e dalle direttive europee Habitat e Uccelli, dove l’inverno abitano solo una decina di persone, e che potrebbe essere rifornita di energia elettrica da fonti rinnovabili.