Uccidono altri cetacei giocandoci al gatto col topo

Anche i delfini uccidono per gioco [FOTOGALLERY]

C'era una volta Flipper: scoperti giovani tursiopi teppisti, assassini di focene

[5 marzo 2014]

Una donna scozzese, Caroline Weir, era affacciata alla finestra sul mare di casa sua a Saint Cyrus, nell’Aberdeenshire, quando si è trovata davanti ad una scena eccezionale e drammatica che è riuscita a fotografare e poi a pubblicare online: due delfini (tursiopi) che attaccavano ed uccidevano altri cetacei, delle focene, apparentemente per semplice divertimento.

I lettori più attenti di greenreport.it sanno che i complessi rapporti che regolano le società dei delfini hanno anche frequenti episodi di violenza, coercizione e bullismo, ma quella fotografata dalla signora  Weir, vista con i nostri occhi antropocentrici, sembra crudeltà gratuita, una specie di gioco cruento.

Le foto mostrano qualcosa di simile a quello che fanno le orche con le otarie, ma i tursiopi non mangiano le indifese focene e perdono immediatamente interesse per loro non appena si rendono  conto di averle uccise.

Le  due focene si sono poi spiaggiate con terribili ferite alla testa e sono state  raccolte dagli esperti dello Scottish Marine Animal Strandings Scheme determinare la causa esatta della morte.

I ricercatori dell’agenzia scozzese  pensano che  l’attacco alle focene sia stato portato da maschi adolescenti  che probabilmente stavano giocando. I corpi delle creature sono state rimosse dalla spiaggia per un esame post-mortem per determinare la causa esatta della morte.

Le focene sono cetacei diversi dai delfini: non hanno il muso così pronunciato, sono prive del melone ed i loro denti sono a forma di spatola, mentre quelli dei delfini sono conici, inoltre solitamente le focene sono molto più “tranquille” ed elusive dei delfini, in particolare dei tursiopi.

Sulla sua pagina Facebook, il Scottish Marine Animal Strandings Scheme, conferma una cosa che ormai su greenreport.it abbiamo già dimostrato diverse volte riferendo di diversi studi sui tursiopi ed altre specie di delfini gregarie: «Flipper non è così dolce e innocente come sembra. I tursiopi fanno regolarmente questo, un po’ come un gatto che gioca col topo. Una volta che la focena è morta perdono interesse. Sono anche noti per uccidere i cuccioli della loro stessa specie. In realtà non competono per il cibo, e non li mangiano quindi  nessuno sa veramente perché succeda».

Il Daily Mail, che ha pubblicato per primo le foto dell’attacco mortale alle focene, pubblica anche alcuni commenti dei lettori.  Emms Daniels scrive: «Non ho mai saputo che i delfini attaccassero i loro simili. Sembra davvero strano, vediamo queste lesioni e sappiamo che vediamo i delfini come dolci  e innocenti, quando in realtà hanno un lato molto oscuro».

Jenny Saunders descrive con poche ma azzeccate parole la complessità della società di questi mammiferi marini che più li conosciamo e più ci somigliano: «Sono davvero proprio come le persone, ci sono i buoni ed i cattivi. I delfini sono socialmente complessi, come noi».