I parchi dopo l’estate

[30 luglio 2018]

In questi giorni soprattutto nei Parchi e nelle aree protette si registrano molte belle iniziative di pulizia delle spiagge e raccolta plastiche in mare e fiumi. È la conferma di una grave condizione ambientale, ma anche di una encomiabile e crescente mobilitazione popolare in difesa dell’ambiente.

Quando la stagione estiva lascerà il posto a quella politico istituzionale, attualmente alle prese soprattutto con poltrone e porti, ci aspettano in particolare proprio nei Parchi e territori protetti i problemi irrisolti che producono rovinosamente sporcizia e inquinamento. E la ripartenza non riguarda prima di tutto e soprattutto le leggi vecchie o nuove, che non sono alla base di questa situazione.

Perché alla base dei nostri guai c’è una gestione politica che ha ritenuto colpevolmente e spesso irresponsabilmente – vedi il caso province – che al governo del territorio dovessero provvedere non le rappresentanze istituzionali (Stato, regioni ed enti locali) ma quelle di categoria.

È quanto non hanno ancora capito quei parlamentari che non hanno trovato di meglio che riproporre la legge, fortunatamente non approvata nella passata legislatura, da cui si dovrebbe ripartire. È davvero così difficile e complicato capire, anche guardando alle iniziative richiamate in corso sulle spiagge, che parchi e istituzioni – insomma la politica, quella seria e non propagandistica – devono ripartire da iniziative come quelle a cui hanno messo mano il Parco di San Rossore, quelli dei territori terremotati e parecchi altri. E sarebbe l’ora lo capissero anche quelle rappresentanze che spesso non hanno trovato di meglio che prendersela demagogicamente con la troppa politica, anziché con le troppe bischerate.

Le opinioni espresse dall’autore non rappresentano necessariamente la posizione della redazione