I programmi LIFE venti anni di successi per finanziare Rete Natura 2000 … e non solo!

[2 ottobre 2014]

Alla fine degli anni ottanta del ventesimo secolo, era un sogno nutrito da un piccolo gruppo di ambientalisti. Ora e la pietra angolare e il volto visibile del sostegno offerto dall’Unione Europea (UE) a progetti ambientali in tutta l’Unione e non solo.

Negli ultimi due decenni LIFE, che ha festeggiato nel 2012 il suo ventesimo anniversario, ha gradualmente accumulato imponenti risultati. Ha cofinanziato 3.685 progetti per l’importo complessivo di ben 2,8 miliardi di euro del bilancio UE. La fiducia e il sostegno che ha riservato a queste iniziative hanno portato alla mobilitazione di una ulteriore somma di 3,8 miliardi di euro per un insieme di programmi volti a migliorare l’ambiente e divulgare a un pubblico più ampio i risultati raggiunti.

Uno dei componenti di maggiore successo della assistenza finanziaria dell’UE e costituito da LIFE Natura, che e alla base della direttiva sugli habitat, anche essa al suo ventesimo anniversario. Questo sostegno ha contribuito alla creazione di Natura 2000, la piu grande rete coordinata di aree protette al mondo, che svolge un ruolo prezioso nel contrastare la perdita di biodiversità in Europa.

LIFE ha apportato un altro considerevole contributo allo sviluppo della politica ambientale dell’Unione. Ha dimostrato in termini pratici come l’applicazione della legislazione convenuta dalle istituzioni dell’UE, di solito a Bruxelles, può portare a benefici tangibili per le comunità locali in tutto il continente.

Un fattore chiave nel successo dei progetti cofinanziati da LIFE, come dimostra  la pubblicazione speciale The Voices of LIFE (consultabile in inglese all’indirizzo http://goo.gl/WIjXYg), è stata l’immaginazione, l’energia e l’impegno delle migliaia di persone attive a livello locale, che con la stretta cooperazione dei funzionari della Direzione Generale dell’Ambiente avviano, mettono in atto e portano a termine le proprie iniziative particolari.

Questa cooperazione e il cofinanziamento di progetti specifici continueranno con la nuova Programmazione 2014/2020.

L’influenza di LIFE, inoltre, e destinata ad aumentare, dal momento che il programma dopo il 2013 entrerà, come detto,  in una nuova fase di sviluppo.

L’esperienza e le credenziali di LIFE saranno usate per integrare maggiormente le considerazioni ambientali in altri settori politici e mobilitare finanziamenti piu consistenti per iniziative verdi.

L’Ex eurodeputato olandese Hemmo Muntingh e generalmente considerato il padre di LIFE. Direttore della Societa olandese per la preservazione del Wattenmeer prima di sedere sugli scranni del Parlamento europeo, utilizzo la procedura annuale di bilancio dell’UE per proporre il finanziamento di un fondo per l’Ambiente. I governi dell’UE cassarono il suo primo tentativo nel 1989, ma l’anno seguente ebbe successo e ottenne lo stanziamento della modesta somma di 31 milioni di euro per la nuova politica. Il nome LIFE deriva dall’ acronimo francese di “L’Instrument Financier pour l’Environnement” (Strumento finanziario per l’ambiente). Fu coniato dall’eurodeputato francese Alain Lamassoure, responsabile della posizione del Parlamento durante i negoziati sul bilancio del 1990, che svolse un ruolo da protagonista nella creazione del programma.

Nel filmato (http://youtu.be/XuPpZdS6UmA)la dott.ssa Giulia Carboni ci illustra cosa è il Programma Life e i Progetti premiati.

Videogallery

  • Progetti europei vincitori a LIFE Ambiente l'Italia vince due premi