Il mare del Madagascar saccheggiato dai bracconieri stranieri

I sindacati dei pescatori contro il furto di biodiversità e la schiavitù a bordo delle navi cinesi in alto mare

[1 aprile 2015]

 

Maicon Ratsiraka, 48 anni, allunga ancora lo sguardo, sulle acque che  circondano l’isola nazione del Madagascar. Dieci anni fa, lui ei suoi due fratelli avrebbero  pescato 60 kg di sardine ogni settimana, guadagnando 370 dollari durante periodi buoni. Oggi  la loro barca di 6 metri di lunghezza non può più navigare fino a tre chilometri nel mare dove si trovano popolazioni significative di sardine e gamberetti. Se lo fanno, la loro barca rischia di essere ostacolata  o attaccata dalle massicce navi cinesi, thailandesi e della Corea del Sud che portano via  illegalmente i pesci dell’Oceano Indiano che circonda il Madagascar. Come risultato, il suo reddito è crollato. A partire da gennaio, con le sue catture settimanali ora guadagna solo 57 dollari.

«Ci sentiamo impotenti, proviamo vergogna, siamo senza lavoro», dice Maicon, che lavora a  Toamasina, il più grande porto del Paese e la seconda città più grande dopo la capitale, Antananarivo. «Le grandi navi cinesi ci stanno derubando del pesce e prosciugando le nostre condizioni di vita».

Situato al largo della costa orientale africana, il Madagascar ha alcuni degli stock di pesci più ricchi del continente. Le sue vaste acque, tuttavia, sono aperte agli sfruttatori illegali, di solito stranieri. Le statistiche della pesca in Madagascar sono mal registrate, ma, secondo le stime, nel 2008 sono state pescate in Madagascar 130.000 tonnellate di pesce. Ma la pesca illegale da pescherecci stranieri sta minacciando la sopravvivenza di circa 100.000 persone che vivono nelle 1.250 le comunità di pesca costiera in tutto il Paese, ma ancora più gravemente nelle città costiere come Toamasina e Nosy Be.

I pescatori locali stimano che due navi straniere possono catturare, trasformare e congelare la stessa quantità di pesce che 30 imbarcazioni di piccola pesca sono in grado di produrre in un anno. Queste navi pirata straniere operano di notte e vengono raramente fermate, spengono i loro segnalali di identificazione radio per eludere le pattuglie della polizia. Con la copertura delle tenebre, le gang calano in profondità reti da pesca illegali dotate di ganci che intrappolano pesce di alto valore, come gamberi, sgombri, tonni, squali e cernie, che vengono poi venduti con un significativo guadagno nei mercati di Pechino, Seoul e Kuala Lumpur. Ad esempio, la zuppa di pinne di squalo, una prelibatezza in Cina, si vende anche a 300 dollari a ciotola.

Allarmante. La Madagascar Fisheries and Wildlife Commission, un ente governativo che regolamenta i permessi di pesca, ha detto ad Equal Times che nel 2001 la popolazione di squali intorno a Toamasina era in  calo per un  tasso del 6% cento all’anno. Aumentando elocemente, nel  periodo tra il 2005 e il 2014, ad un tasso che è saltato al 23%. «Il calo degli stock ittici è allarmante per un’isola povera come la nostra», ha detto ad Equal Times, Antonio Jengar, uno statistico del governo di Toamasina. .

L’Antananarivo Boat Fishers Agency, affiliata alla Confederazione nazionale dei lavoratori malgasci, dice che nel 2004 aveva 406 imbarcazioni di pescatori adenti, Nel 2015, ne restano al lavoro solo 159.  «La maggior parte dei pescatori sono scoraggiati dal calo dei livelli di pesce e per le  loro barche rese inutili dai bracconieri cinesi – dice Asiko Bombay, tesoriere del sindacato – Invece, molti pescatori disoccupati hanno venduto le loro barche per cimentarsi nella coltivazione del riso».

«Le navi straniere stanno operando partendo da gigantesche navi madri dotate della tecnologia di congelamento immediato. Lavorando per tutta la notte, utilizzando lance più piccole  per rifornire navi madre che si trovano in mare aperto», dice Andrei Gatts, water ecology manager del Madagascar Fauna and Flora Group (MFG), un consorzio internazionale di zoo, acquari, giardini botanici e università che lavorare con il governo malgascio per proteggere la biodiversità del Paese.

Prog Messa, leader di un gruppo di 100 pescatori in un procedimento giudiziario per cercare di costringere il governo a vietare la pesca ai pescherecci cinesi entro 30 chilometri di spiagge del Paese, ha detto: «I cinesi ci stanno messa al tappeto. Stanno cercando di impedirci di pescare. Usano una potere possente»

Nessun rispetto per la vita marina. Il Madagascar ha alcune delle più preziose specie marine del mondo e il 90% della sua fauna selvatica non può essere trovata in qualsiasi altro luogo sulla terra, ma ora questo è a rischio. Nel frattempo, il turismo marino, che ha creato 10.000 posti di lavoro diretti in città come Toamasina e Morondava, è sotto una seria pressione. «I cinesi non rispettano per niente la vita marina del Madagascar», dice Gatts.

Volanirina Ramahery, un coordinatore del programma marino per il World Wildlife Fund (WWF), ha detto ad dice a Equal Times che sono in atto leggi per proteggere la vita marina in Madagascar, ma «non hanno una corretta applicazione». Se continua così, i risultati sociali e ambientali potrebbero essere »molto negativi. Se si va avanti in questa maniera, spingeranno l’ecosistema sull’orlo del collasso. Per esempio, la scomparsa degli squali potrebbe devastare gli habitat marini locali. Un crollo del settore della pesca dello squalo minaccia la stabilità economica e comporta una perdita dei mezzi di sussistenza diretti per migliaia di pescatori».

Tuttavia, il governo del Madagascar, indebolito da decenni di instabilità politica, non è in grado di fermare il saccheggio della sua ricchezza marina. Il Madagascar, uno dei paesi più poveri del mondo, con un reddito pro capite di soli 419 dollari , ha appena 11 motoscafi della polizia per pattugliare una costa 4.828 km.

Bombay sostiene che alcuni agenti di polizia e pubblici ministeri vengono corrotti dai ricchi armatori stranieri per chiudere un occhio sul loro bottino. Secondo Transparency International, nel 2014 il Madagascar si è classificato 133esimo  su 175 nell’indice dei Paesi più corrotti al mondo.

MFG dice che alcune navi cinesi stanno usando il DDT, un pesticida pericoloso bandito dalla Convenzione di Stoccolma delle Nazioni Unite, per uccidere grandi quantità di pesce in una sola volta. Ma il DDT uccide anche la vita marina nei dintorni e gli esseri inumani. Il  DDT è stato collegato allo sviluppo di alcuni tipi di cancro ed a complicazioni della  salute riproduttiva.

Nessuna scelta. I lavoratori locali che lanciano l’allarme e sfidano apertamente i trafficanti, subiscono intimidazioni e  persino la violenza. Alcuni attivisti sono stati attaccati a colpi di machete da bande assunte  dai bracconieri o hanno avuto le loro barche danneggiate in mare. Non è una sorpresa, quindi, che alcuni lavoratori del pesce locali finiscono per entrare nel commercio del pesce illegale. Senza alcuna prospettiva di trovare altri lavori, alcuni pescatori finiscono per uccidere gli squali a venderli alle navi cinesi, guadagnando fino a 170 dollari per chilogrammo.

«E’ un disastro ecologico, orribile, lo so – ammette un pescatore –  ma questo denaro sfama la mia famiglia».

Anche i lavoratori dei villaggi rurali vengono reclutati per aiutare i bracconieri. Utilizzando i loro sudati risparmi, spendono 800 per una promessa di avere posti di lavoro ben pagati sulle navi in alto mare. Ma queste truffe reclutamento lasciano i lavoratori in balia dei bracconieri che li costringono a faticare per settimane e anche mesi e mesi senza stipendio. All’interno delle navi prigione molti si lamentano di condividere cuccette di cartone e dei turni di lavoro di 18 ore. E invece del pagamento in denaro alcuni lavoratori ricevono pesce congelato che è di scarso valore nei mercati ittici del Paese.

«Gli uomini ingannati questo modo, lavorano in mare per settimane sulla navi cinesi con poca aria, a temperature di 40° C, 50 ° C”», spiega Genevieve Hodyo un avvocato locale che lavora con il sindacato dei pescatori per ottenere un risarcimento per i lavoratori vittime di abusi.

C’è una feroce battaglia su ari fronti che si svolge per il controllo delle risorse ittiche del Madagascar e, dato il fragile stato politico ed economico del Paese, assicurarsi che la gente del Madagascar benefici realmente della sua ricchezza marina sarà cruciale per il futuro dell’isola.

 

Wonder Chinhur

biologo marino, volontario di Greenpeace ed Earth Life in Madagascar

Questo articolo è stato pubblicato  su Equal Times e poi su Ejolt con il titolo “Madagascar fisheries ravaged by foreign plunder”