Il pipistrello che vive nella pianta carnivora. Foto eccezionali

La pianta fornisce riparo in cambio di feci e azoto

[27 febbraio 2015]

 

New Scientist, con un articolo intitolato “Home, sweet plant”, pubblica le incredibili foto di un minuscolo pipistrello, il  Kerivoula hardwickii, un vespertillonide chiamato Hardwicke’s woolly bat, che invece di andare a dormire nelle grotto o nei buchi della foresta del Borneo ha scelto come casa e rfugio una puianta carnivora tropicale, la Nepenthes hemsleyana.

Questa stranissima convivenza e vantaggiosa reciprocamente: la pianta carnivora manca dei profumi che attraggono gli insetti e così beneficia degli escrementi del pipistrello che gli forniscono più di un terzo dell’azoto necessario, cosa che permette alla pianta carnivora di sopravvivere, che in cambio fornisce al  Kerivoula hardwickii  una lussuosa ed esclusiva camera nella foresta pluviale, protetta dalla pioggia.

Caroline Regina Schöner , una biologa tedesca dell’università di Greifswald  che dal 2009 con il suo team sta studiando il mutualismo tra pipistrello e pianta carnivora, spiega che «Questa è l’unica specie di pipistrelli che sia mai stata trovata appollaiata nelle  brocche. Questi pipistrelli sono riusciti a trovare una nicchia che nessun altro sta occupando».

Le eccezionali immagini che ripubblichiamo anche noi  sono state realizzate con infinita pazienza da Merlin Tuttle nelle torbiere tropicali della foresta torba su Borneo che sottolinea: «Ci vuole solo una piccola frazione di secondo per un pipistrello per entrare o uscire, quindi catturare l’immagine al momento giusto è una vera e propria sfida».  Ma nel giro di pochi giorni i pipistrelli erano diventati così confidenti che andavano a prendere dei succulenti vermi dalle mani di Tuttle e il fotografo ora dice: «Siamo rimasti  molto stupiti dall’intelligenza di questi animali molto piccoli. Contrariamente alle comuni  idee errate, i pipistrelli in genere sono gentili, molto intelligenti ed addestrabili»