L’iniziativa per salvare le berte unico progetto italiano tra i 6 finalisti del “Natura 2000 Awards 2014"

Importante riconoscimento Ue al progetto Life+ Montecristo per eradicare ratti e ailanto

[21 giugno 2014]

Il progetto Life+ Montecristo 2010, che era stato contestato, fino ad arrivare ad interrogazione del centro-destra ed a denunce contro gli organizzatori, da una strana coalizione di anti-parco ed animalisti che paventava l’avvelenamento dell’intera isola e del mare protetto, ha invece ottenuto un importante riconoscimento europeo proprio per la sua efficacia e replicabilità. Infatti le  attività di lotta alle specie aliene invasive sulle isole di Pianosa e Montecristo, condotte per quattro anni e Corpo Forestale dello Stato-Utb di Follonica (che gestisce la riserva integrale), Parco Nazionale Arcipelago Toscano,  Ispra e Nemo,  hanno dato i risultati sperati ed è stata confermata anche quest’anno l’assenza di ratti dall’Isola di Montecristo, con un’esplosione di biodiversità confermata anche dalla spedizione internazionale di entomologhi svoltasi durante la recente settimana delle farfalle dell’Arcipelago Toscano.

In una nota l’Ente Parco dell’Arcipelago Toscano sottolinea che «Agli ottimi risultati si è aggiunto  un importante riconoscimento formale  da parte della Commissione Europea perché  il progetto è stato candidato nei finalisti per il “Natura 2000 Awards 2014″: premio istituito dalla Commissione Europea per incoraggiare le “best practices” volte alla conservazione della natura, all’impegno nella protezione della biodiversità nei siti Natura 2000 e alla garanzia di sopravvivenza a lungo termine delle specie e degli habitat più preziosi e minacciati d’Europa».

Tra i 163 progetti candidati, finanziati con Life+, sono stati scelti i 22 finalisti invitati a partecipare alla cerimonia finale a Bruxelles, svoltasi a fine maggio. «Il progetto Montecristo 2010 del nostro Parco – dicono allla sede dell’Ente alla ex tonnara dell’Enfola, all’Isola d’Elba –  unico progetto italiano,  è rientrato tra i 6 finalisti per la categoria “Conservation” per  l’importanza dell’attività di eradicazione del ratto dall’Isola di Montecristo per la riproduzione e la sopravvivenza a lungo termine della berta minore (Puffinus yelkouan).  Per la categoria è risultata vincitrice  la Bulgaria, con un progetto di miglioramento della rete elettrica per salvare l’aquila imperiale».

Il presidente del Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano e di Federparchi, Giampiero Sammuri, è molto soddisfatto: «Un riconoscimento importante  che ripaga delle difficoltà  incontrate, ma soprattutto  un significativo risultato, se si considera che il 12% della popolazione nidificante di berta minore nel Mediterraneo sceglie di riprodursi a Montecristo e che grazie alle azioni del progetto si è passati da un successo riproduttivo praticamente nullo a ben il 95%, aumentando così le possibilità di sopravvivenza della specie, classificata come Vulnerabile nella Red list della Iucn»

 

Per saperne di più:

http://ec.europa.eu/environment/nature/natura2000/awards/

www.montecristo2010.it

http://www.iucnredlist.org/details/22698230/0