Incendi all’Isola d’Elba e a Principina a Mare. Legambiente: «Troppe fiamme, troppe coincidenze»

Sotto l'odore acre degli alberi incendiati, c’è un pericoloso segnale di rifiuto di legalità

[7 agosto 2016]

incendio chiessi

La prima settimana di agosto, e in particolare questi ultimi giorni ventosi, in Toscana si sonno trasformati in un bollettino del foco: mentre scriviamo gli ultimi due incendi segnalati sono in corso a Orbetello.

Anche la Regione Toscana parla di domenica di fuoco e sottolinea che «La Sala operativa antincendi boschivi della Regione è impegnata a coordinare i vari fronti di intervento, assieme ai vigili del fuoco e alle squadre dei volontari e dei Comuni. Sono già partiti gli elicotteri: sette dei dieci mezzi in forza alla Regione si sono alzati in volo. E’ stato chiesto anche l’intervento degli aerei Canadair nazionali. Certo il vento che soffia forte un po’ ovunque sulla regione non sta aiutando le operazioni di spegnimento».

In Regione spiegano che «Il primo incendio a divampare è stato quello sul Monte Calamita nel comune di Capoliveri all’Elba. Erano le 9.40 quando è stato dato l’allarme. Quaranta minuti dopo, alle 10.20, è stata la volta di Chiesa Aiale e Chiessi, tra Marciana e Campo nell’Elba. Un incendio ad est e l’altro ad ovest dell’isola. Quattro elicotteri sono impegnati sui due fronti, con volontari delle associazioni del coordinamento toscano ed operai forestali a cercare di domare le fiamme. Altre squadre stanno arrivando in soccorso dalla terraferma, con imbarco prioritario. Attorno alle 11 un nuovo rogo si è sviluppato a Poggio Murella nel comune di Manciano. Anche in questo caso è partito un elicottero del servizio antincendio della Regione, il cui intervento non è stato agevolato purtroppo dal vento. Nel frattempo un incendio è stato segnalato, alle 11.30, anche in pineta a Viareggio ed altri due fuochi sono divampati nel comune di Orbetello: in località La Parrina e ad Ansedonia. Dei due il più importante è il secondo. Elicotteri regionali stanno operando anche su questi incendi. Ieri c’era stato invece un rogo a Principina a Mare, di nuovo in provincia di Grosseto. Le fiamme hanno attaccato prima un vivaio e poi la pineta. Le squadre regionali sono intervenute per domare le fiamme ed hanno concluso durante la notte la bonifica. Diversi gli ettari di pineta e di sterpaglie andate in fumo. Sul posto, oltre a due canadair e a cinque elicotteri, è intervenuto anche un mezzo dell’aeronautica militare di stanza all’aeroporto di Grosseto».

Da Festambiente in corso a Rispescia interviene Legambiente: «Davanti agli ennesimi incendi  che hanno colpito la Maremma e il territorio del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano all’Isola d’Elba e ci risulta sempre più difficile credere alla casualità o al destino cinico e baro. Un plauso sincero alle forze dell’ordine per il loro lavoro encomiabile : dai Vigili del fuoco a Corpo forestale dello Stato e alla Protezione Civile  che ogni giorno si stanno impegnando per arginare questo enorme problema. Le fiamme che stanno colpendo la Maremma e l’Elba restano una terribile piaga del nostro paese  perché distruggono habitat e paesaggi, possono mettere in crisi l’esistenza di tante economie locali che hanno scommesso sul turismo, accrescono il rischio idrogeologico.  Sotto l’odore acre degli alberi e della macchia mediterranea incendiati, c’è un pericoloso segnale di rifiuto di legalità. Quello che sta accadendo in queste ore  dimostra che non bisogna abbassare la guardia e che occorre lottare senza paura contro i “piromani” utilizzando tutti gli strumenti necessari. La lotta a questi veri e propri delitti ambientali non può prescindere dalla sensibilizzazione dei cittadini e delle comunità, anche per rompere quel muro di omertà che a volte circonda gli incendiari». In una nota Angelo Gentili, segreteria nazionale della Legambiente, commenta l’incendio che ieri ha colpito Principina a Mare nel grossetano e oggi all’Isola d’Elba  un’intera montagna sopra Chiessi, nel Comune di Marciana, e il promontorio di Calamita, nel Comune di Capoliveri.

 

E sulla piaga degli incendi martedi 9 agosto alle ore 11,00  nell’ambito di Festambiente, festival nazionale di Legambiente, presso il Camping Il Sole a Marina di Grosseto si svolgerà incontro  “SOS incendi: politiche e strumenti per arginare i rischi dolosi.” Partecipano Angelo Gentili Segreteria nazionale Legambiente, Antonfrancesco Vivarelli Colonna Sindaco Comune di Grosseto, Giancarlo Farnetani Sindaco Comune di Castiglione della Pescaia, Massimo Nazzareno Bonfatti Comandante Provinciale Vigili del Fuoco, Alessandra Baldassarri Comandante provinciale Corpo Forestale, Cristiano Manni Commissario Capo Comando Provinciale del Corpo Forestale dello Stato, Benvenuto Spargi Esperto agronomo e forestale.