Incidenti provocati da animali: con il progetto “Life strade” si prova a ridurli

[14 agosto 2013]

Con l’aiuto della tecnologia e delle fonti rinnovabili, in alcune regioni e province italiane si provano a ridurre gli incidenti stradali provocati dagli animali selvatici che attraversano all’improvviso.

Intanto sarà la provincia di Perugia a sperimentare su tre tratti stradali ad alta incidenza di collisioni con animali selvatici il progetto ”Life strade”, cui aderisce insieme alle Regioni Umbria, Toscana e Marche e alle province di Terni, Grosseto, Siena e Pesaro-Urbino.

Nelle strade interessate dalla sperimentazione, saranno collocate delle apparecchiature innovative alimentate ad energia solare: si tratta di stazioni radar sensibili al movimento che attivano sensori acustici e luminosi capaci di dissuadere gli animali e impedirne quindi l’attraversamento.

«In questo modo – ha spiegato l’assessore provinciale Domenico Caprini – oltre a salvare gli animali da morte quasi certa, si riduce il rischio di impatto con i veicoli».  Il nuovo sistema di gestione e riduzione degli incidenti con animali selvatici, specie ungulati, sarà attuato nello specifico sulla provinciale 201 di Pietralunga nel tratto Montone-Pietralunga, sulla Flaminia tra Scheggia e Fossato di Vico e sulla strada regionale 599 del Trasimeno Inferiore tra Panicarola e Dirindello. Altri due tratti, sulla statale 3 bis e sulla provinciale 140-1 da Niccone a Nestore, serviranno invece da confronto.

«Su questi tratti di strada – ha aggiunto l’assessore – precedenti monitoraggi hanno evidenziato un elevato tasso di incidenti provocati dall’attraversamento di animali selvatici». Il progetto, che interessa anche province toscane, è finanziato con circa due milioni di euro dalla Comunità europea.