Isola di Budelli: completata la procedura per il diritto di prelazione del Parco Nazionale

[14 febbraio 2014]

La vicenda dell’isola di Budelli ha sollevato grosse polemiche, con Legambiente, Fai e un bel pezzo di mondo politico che dicevano che non era necessario spendere milioni di euro pubblici per impedire che un miliardario “ambientalista” neozelandese comprasse un territorio protetto integralmente, ma l’Ente Parco dell’Arcipelago de La Maddalena la butta sul romantico e dice che  «È sempre stato amore a prima vista tra Parco e l’isola di Budelli. Non poteva che concludersi oggi, giorno di San Valentino, l’acquisizione dell’isola. La perla dell’arcipelago diventa così del Parco e perciò bene comune».

Il presidente del Parco, Giuseppe Bonanno, è molto soddisfatto: «Col deposito del saldo si chiude la procedura per l’acquisizione al patrimonio pubblico dell’isola di Budelli.  Devo doverosamente rivolgere il mio più profondo ringraziamento, oltre che a tutti i firmatari della mobilitazione popolare organizzata attraverso la piattaforma digitale change.org che hanno risposto all’appello lanciato dall’ex Ministro dell’ambiente: Alfonso Pecoraro Scanio. Un ringraziamento particolare in questo momento va anche al ministero dell’ambiente, il ministero dell’economia e l’Agenzia del demanio che hanno bruciato i tempi per consentire il trasferimento  delle somme ben prima dei tempi richiesti, dimostrando una volontà chiara nel dare seguito al mandato che il Parlamento ha sancito col varo della legge di stabilità. Una bella prova, un obiettivo raggiunto. Ora pensiamo al futuro dell’isola e la sua tutela».