In Italia a rischio estinzione il 13% delle farfalle

Riconversione del territorio e cambiamento climatico tra le principali minacce

[26 maggio 2017]

In Italia, il 13% delle farfalle diurne è classificato come a rischio estinzione, su un totale di 288 specie autoctone inserite nella Lista Rossa IUCN. Un nefasto gradino più alto del podio dell’estinzione lo occupa l’Euphidra maturna, presente ormai con una sola popolazione in provincia di Cuneo; poi 8 specie, tra le quali la Papilio Alexanor, vivono escluviamente in manciate di ettari in Piemonte, Valle d’Aosta, in Sardegna centrale e sulle Isole pontine. E non manca chi, come la Melitaea britomartis, durante lo svernamento soffra dell’innalzamento delle temperature invernali e dell’assottigliamento dei manti nevosi sull’arco alpino.

Sono questi gli allarmanti dati forniti dal Parco Natura Viva di Bussolengo, in occasione della liberazione di specie autoctone che avverrà domenica 28 maggio nell’ambito della campagna europea “Let it grow – Lascialo crescere!”, per il ritorno delle specie tipiche della biodiversità locale.

Molti i pericoli legati al comportamento umano che le farfalle italiane sono costrette a superare per evitare l’estinzione; oltre alla riconversione del territorio, un ulteriore fattore di minaccia è da imputare al cambiamento climatico, soprattutto per le specie d’alta quota.

«Contrariamente a quanto si immagini – spiega Francesco Barbieri, entomologo per il Parco natura Viva – le farfalle italiane sono legate agli ambienti aperti dei pascoli e delle praterie, dove svolgono il ruolo cruciale dell’impollinazione. Questi ecosistemi tuttavia stanno subendo un progressivo abbandono da parte dell’uomo, provocando la riforestazione naturale dell’ambiente e la chiusura dello spazio vitale per questi animali. La loro distribuzione limitata poi, non ne aiuta né il monitoraggio né la conservazione. E non va meglio in Europa, dove la percentuale del rischio estinzione sale al 19%».