Ecco la prima azienda con il Marchio di qualità del Parco della Maremma

Venturi: «Il Marchio può rappresentare uno strumento importante per le aziende che svolgono la loro attività all’interno del parco e dell’area contigua»

[13 febbraio 2018]

Il Marchio di qualità del Parco della Maremma ha emesso i primi vagiti a metà 2016, per poi concludere recentemente il suo iter di deposito ufficiale presso l’Ufficio italiano brevetti e marchi del ministero dello Sviluppo economico e, infine, diventare pienamente operativo: è stata firmata infatti nei giorni scorsi la prima convenzione per la concessione in uso del Marchio all’azienda agrobiologica “Le Tofane” che è stata la prima a farne richiesta: «Il Marchio di qualità del Parco della Maremma – ha dichiarato dall’azienda Daniele Francioli – compensa i vincoli cui un’azienda che ricade nell’area protetta deve sottostare, che rispecchiano comunque in pieno la nostra filosofia di lavoro e di vita».

Le Tofane, che realizza al proprio interno l’intera filiera di produzione: dall’allevamento di oltre 300 pecore da latte, alla trasformazione, sino alla vendita di ottimi formaggi freschi e stagionati, prodotti anche da latte crudo, tutti con certificazione biologica, che costituiscono, oltre alla ricettività agrituristica, il fiore all’occhiello dell’azienda. E presto si aggiungeranno altre convenzioni con altre aziende – sottolineano dal Parco – per le quali è in corso di svolgimento la fase istruttoria per le assegnazioni degli specifici marchi richiesti.

«È una grande soddisfazione firmare questa prima convenzione per assegnare il Marchio di Qualità del Parco della Maremma – commenta la presidente Lucia Venturi – e spero di poterne firmare a breve tante altre. Intraprendere il percorso del Marchio è stata una scelta che abbiamo fortemente voluto perché siamo convinti che possa rappresentare uno strumento importante per le aziende che svolgono la loro attività all’interno del parco e dell’area contigua, per far affermare di più e meglio i loro prodotti ed i loro servizi così da far conoscere sia in Maremma che nel resto del paese le eccellenze che il nostro territorio esprime. L’impegno sarà ora di lavorare in rete per promuovere il marchio e creare ulteriori opportunità di sviluppo di un’economia incentrata sulla sostenibilità e la qualità che è la vera forza di questo territorio».

Il Marchio di qualità®, ricordano dunque dal Parco, si suddivide in tre categorie: Qualità Agro BIO, Qualità Agro e Qualità Servizi, che sono assegnati su richiesta volontaria e gratuita alle diverse tipologie di attività, secondo un regolamento generale e specifici disciplinari. L’obiettivo del marchio, che vuole rappresentare un elemento di coesione e di promozione dei prodotti e dei servizi che hanno la loro origine territoriale nell’ambito dell’area protetta, è quello di favorire lo sviluppo di una rete di produttori di beni e servizi così da avere una maggiore forza per posizionarsi sul mercato, portando come valore aggiunto, alla loro qualità, l’immagine che evoca il Parco della Maremma.