La Forestale sequestra un fabbricato abusivo nel Parco Nazionale dell’Arcipelago

Legambiente: «Massimo della pena e di risarcimento ambientale»

[13 luglio 2015]

Abuso fetovaia

Gli agenti del Corpo Forestale dello Stato del Comando Stazione di Marciana Marina hanno individuato «All’interno del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano in una zona di rispetto paesaggistico ambientale, mimetizzato tra la lussureggiante vegetazione della macchia mediterranea che circonda una delle più belle insenature dell’Isola d’Elba come la spiaggia di Fetovaia in Comune di Campo nell’Elba, un fabbricato abitativo realizzato interamente in legno, poggiante su palafitte e privo di fondazioni».

In un comunicato il Cfs spiega che «La struttura, che per tipologia costruttiva non ha richiesto movimenti di terreno ed è stata realizzata in breve tempo, si trova tra la strada provinciale e il mare ed è completamente invisibile dall’esterno potendo essere notata solo dal mare. Dagli accertamenti effettuati presso gli enti preposti al rilascio dei permessi per l’edificazione si è constatato che tale manufatto era privo di qualsiasi atto autorizzativo e pertanto interamente abusivo. Il responsabile è stato perciò  prontamente segnalato alla Procura della Repubblica per realizzazione di una costruzione abusiva all’interno del Parco Nazionale ed il magistrato che dirige le indagini ha disposto il sequestro del manufatto. A seguito dell’attività, la proprietà nei confronti della quale è stata emessa da parte del competente Ufficio comunale Ordinanza di demolizione, dovrà ottemperare al ripristino dello stato dei luoghi».

Legambiente Arcipelago Toscano «si complimenta con il Corpo forestale dello Stato di Marciana Marina per il nuovo colpo inferto agli abusivi che, anche questa volta hanno costruito a Fetovaia un manufatto di rara bruttezza all’interno del Parco Nazionale ed invita l’Ente Parco a costituirsi parte civile contro questi distruttori di bellezza ed a pretendere il massimo della pena e di risarcimento ambientale».