La gru regolabile di seta del ragno saltatore. Fonte di ispirazione per i robot del futuro

[7 agosto 2013]

I ragni salticidae sono cacciatori diurni con una vista acutissima  e con efficienti  strategie predatorie con le quali balzano sulle prede, gli scienziati si chiedevano da tempo come questi predatori riuscissero a dare stabilità ai loro atterraggi rendendoli morbidi, visto che non possono sfruttare l’inerzia di appendici oscillanti o  le forze aerodinamiche sbattendo le ali come fanno altri animali.

Il mistero sembrano averlo svelato 4 ricercatori di Taiwan nello studio  “More than a safety line: jump-stabilizing silk of salticids”, pubblicato su InterFace, il giornale della Royal Society, che dimostra come i salticidae utilizzano un meccanismo diverso per darsi stabilità in aria, utilizzando una “dragline” di seta che prima si credeva fosse una specie di “corda si sicurezza”.

Il team taiwanese ha analizzato le immagini riprese ad alta velocità di  un ragno Hasarius adansoni e ha scoperto che pur essendo soggetti a passi falsi durante il decollo, i salticidae  possono cambiare orientamento in aria utilizzando il filo di seta come una gru, con recuperi e rilasci di seta istanteanei che permettono loro di calcolare le forze in campo, di decelerare e di dissipare l’energia, realizzando così un atterraggio prevedibile e ottimale.

Senza questa “gru” di seta  i ragni potrebbero scivolare o addirittura cadere, «così – si legge nello studio – per i salticidae la dragline di seta è fondamentale per la stabilità dinamica e l’efficienza della cattura delle prede. Il funzionamento dinamico della dragline di seta rivelato in questo studio può far aumentare la comprensione del controllo fisiologico della seta, sulle proprietà del materiale e il suo significato nell’ecologia e nell’evoluzione dei ragni, ma anche essere fonte di ispirazione per i futuri modelli di robot manovrabili».

Kai-jung Chi, della National Chung Hsing university di Taiwan, spiega a Bbc News Sciences & Environment: «Abbiamo analizzato il movimento e l’orientamento del corpo durante i salti. Questo ci ha rivelato che il ragno di Adanson utilizza la sua dragline per controllare l’orientamento del corpo a mezz’aria e come  freno quando atterra. Un ragno che saltasse senza seta potrebbe perdere spesso l’equilibrio, ribaltandosi in avanti e sulla schiena al momento dell’atterraggio. Con la seta possono atterrare nella posizione ottimale per avviare rapidamente la cattura delle prede. I risultati suggeriscono che i ragni gestiscono  la loro dragline utilizzando la valvola nel loro sistema di filatura. Queste regolazioni super-veloci significano che la seta per un ragno saltatore rappresenta più di un semplice filo di sicurezza».