L’incontro in San Rossore con l’assessore Bramerini

[28 marzo 2014]

Assente giustificato Enrico Rossi si è tenuto al parco di San Rossore l’incontro per il quale c’era molta e  fiduciosa attesa specie dopo l’impegno del presidente della regione di non ‘espatriare’ alle prossime elezioni europee per poter concludere i  lavori in corso nel cantiere toscano in particolare sull’ambiente.

L’incontro non ha deluso le legittime e diffuse  aspettative soprattutto per merito del parco che con la relazione del suo presidente Manfredi e una serie di contributi dei suoi maggiori operatori tecnici ha delineato un ‘futuro’ davvero importante e interessante anche sul piano regionale e nazionale che di questi tempi è roba rara. Anche per questo ho suggerito al parco di inviare la relazione del Presidente alla commissione ambiente del senato dove sul ruolo dei parchi stanno facendo polpette con tanto di ipotesi di privatizzazione sulla gestione delle aree protette marine che pregiudicherebbe e affonderebbe anche l’esperienza della Meloria da poco affidata in gestione al nostro parco.

A questa bella prova che specie di questi tempi è davvero merce rara ha corrisposto l’impegno altrettanto serio dell’assessore regionale ai parchi Annarita Bramerini (Nella foto) che ha messo mano al testo della nuova legge regionale di cui si comincerà a discutere a Firenze a metà aprile. Problemi e grane non mancheranno a partire dalle cave delle Apuane ma se San Rossore ha saputo affrontare e risolvere al meglio i suoi problemi non si vede perché non si possa farlo anche alle Apuane. E chi oggi lì stintigna e rivendica ruoli assurdi per quel  parco o meglio sembra rinunciare al  ruolo che gli compete può sempre far tesoro della esperienze di San Rossore.