Il litorale non è solo estate

[17 luglio 2014]

Anche quest’anno sul nostro litorale non sono mancati e non mancano problemi, difficoltà, polemiche sui danni e il decoro.

Senza nulla togliere a questioni che inveleniscono la stagione vorrei invitare non soltanto le istituzioni a guardare a quel che ‘cova’ sempre più vistosamente oggi sul nostro litorale che va molto al di là delle ghiaie e delle ruspe.

Con la nuova presidenza del Porto, la sempre più attiva SPA Navicelli, l’impegno crescente del parco e anche della regione Toscana che fanno da stimolo anche alle politiche nazionali sempre più coinvolte in quelle comunitarie sulla tutela delle coste, l’uso delle spiagge, la salute del mare, la pesca, la nautica è il contesto generale che cambia come abbiamo già potuto vedere in più di una iniziativa –vedi quella di giugno dedicata alla istituzione di un Osservatorio sul mare. Sono temi che ho visto saranno discussi anche in un incontro nazionale a Livorno promosso dalla sottosegretaria all’ Ambiente On Velo (Nella foto) subito dopo l’estate e dove si parlerà anche –sarebbe impossibile non farlo- del nostro santuario dei cetacei e dei suoi guai che il Concordia ha solo aggravato.

Segni apprezzabili di queste novità sono indubbiamente anche i dibattiti culturali che accompagnano già le molte altre iniziative ‘estive’ in corso e che dovranno continuare anche quando si chiuderanno gli ombrelloni e le sdraie. Del resto basta guardarci intorno dalla Versilia alla Val di Cornia per avere conferma che questo impegno culturale non è più uno sfizio.

Oltretutto Marina di Pisa dispone di strutture valide perché questa accoglienza risulti gradevole.