Livorno. Liberata “Wanda”, la tartaruga caretta caretta raccolta un mese e mezzo fa

[24 settembre 2013]

Una tartaruga Caretta caretta ribattezzata “Wanda” è stata rilasciata questa mattina alle ore 10.00 nelle acque al largo delle secche della Meloria, dopo un periodo di cura di circa un mese e mezzo presso l’Acquario di Livorno. L’animale – trovato da un pescatore al largo delle secche di Vada – è arrivato lo scorso 15 luglio 2013, all’Acquario di Livorno – struttura gestita da Costa Edutainment S.p.A. – portato dall’Arpat di Livorno.

Al momento del ritrovamento, l’animale presentava evidenti difficoltà ad immergersi. Lo staff veterinario ed acquariologico dell’Acquario di Livorno e Costa Edutainment S.p.A. hanno subito accolto l’esemplare all’interno dello spazio dedicato alla quarantena ed eseguito i controlli diagnostici per valutare lo stato di salute dell’animale ed impostare una adeguata terapia.

I vari esami diagnostici effettuati sull’animale hanno evidenziato la presenza nel corpo dell’animale di numerosi residui di plastica, che la tartaruga aveva ingerito nel tempo probabilmente scambiandoli per meduse. L’animale – che lo staff ha simpaticamente chiamato “Wanda” – presentava inoltre un’infezione di origine batterica con graduale complicazione micotica.

Dopo le opportune terapie e cure, ripetuti gli esami diagnostici, si è constatato il consolidato miglioramento dello stato di salute dell’animale. Ciò ha consentito all’Acquario di Livorno di organizzare la liberazione in mare dell’esemplare, dopo essere stato marcato e micro-chippato in modo da poterlo distinguere in futuro, qualora venga nuovamente ripescato.

Il rilascio è avvenuto questa mattina a largo delle secche della Meloria grazie al supporto logistico della Corpo dei Vigili del Fuoco di Livorno Sezione Sommozzatori – che ha messo a disposizione del personale dell’Acquario di Livorno due imbarcazioni riservate per il trasporto della tartaruga – e in collaborazione con l’ARPAT di Livorno, unitamente al personale dell’Acquario di Livorno. A bordo dell’imbarcazione infatti, per seguire le fase di rilascio della tartaruga “Wanda”, erano presenti un membro dello staff dell’Acquario di Livorno ed il Dott. Enrico Cecchi Biologo Arpat di Livorno – Sezione Mare.

Da oggi pertanto la tartaruga “Wanda” può di nuovo nuotare liberamente assieme agli altri esemplari di tartaruga Caretta caretta che popolano le nostre acque. Wanda ha un’età stimata sui 7-10 anni, pesa circa 35kg, è lunga 59 cm e larga 58, mentre la sua lunghezza totale, dalla testa alla coda è di 79 cm.

Dall’Acquario di Livorno ricordano che ogni volta che una tartaruga viene soccorsa, la cosa migliore da farsi è informare subito le autorità competenti (Corpo Forestale dello Stato, Capitaneria di Porto), contattando la centrale operativa della Guardia Costiera al numero telefonico 0586/826070 le autorità stabiliranno a quale istituto affidarla per le eventuali cure.

La Caretta caretta, specie tipica delle regioni temperate, è sostanzialmente carnivora. Vive in mare aperto, ma ritorna alla terraferma per il fondamentale e delicato momento della riproduzione. Nel periodo della deposizione predilige spiagge in prossimità di coste rocciose, con fondali sufficientemente sicuri e ricchi di risorse alimentari.