Riceviamo e pubblichiamo

Livorno, perché la deforestazione lungo il corso del rio Popogna? (FOTOGALLERY)

Con i lavori di "messa in sicurezza idraulica" stiamo assistendo alla quasi totale eliminazione di grandi alberi lungo le sponde del fiume

[18 ottobre 2017]

I lavori di bonifica e “messa in sicurezza idraulica” del Rio Popogna – Ardenza e degli altri corsi d’acqua stanno producendo uno scempio ambientale senza precedenti sulle colline livornesi. Stiamo assistendo alla quasi totale eliminazione di grandi alberi come lecci, pioppi, cerri, roverelle, robinie lungo le sponde del fiume. I grandi alberi cadono come fuscelli e vengono rimossi velocemente con grandi mezzi meccanici che muovendosi in continuazione lungo il letto del fiume provocano ulteriore danno al letto stesso.

Siamo molto preoccupati perché risulta veramente difficile capire come una operazione del genere possa avere una qualche utilità in caso di altre piene del fiume. In realtà tagliare gli alberi sani lungo le sponde non serve ad evitare inondazioni ma indebolisce solo le sponde e ci priva di ecosistemi preziosi.

Chiediamo che questa operazione, che purtroppo è andata già troppo avanti, venga fermata immediatamente. Chiediamo alle istituzioni locali di venire a verificare direttamente il danno ambientale e paesaggistico che viene prodotto.

Chiediamo, infine, una corretta gestione e manutenzione del territorio dei Monti Livornesi e dei suoi corsi idrici non dettata solo e solamente dall’emergenza e senza badare ai danni irrimediabili alla biodiversità.

Il Wwf ha fatto richiesta per  un sopralluogo insieme ai responsabili del Genio Civile e del Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa che potrebbe già esserci nei prossimi giorni. Sarebbe auspicabile anche la presenza della stampa.

di associazione Wwf Livorno

Le osservazioni qui riferite sono state fatte da un attivista del Wwf Livorno sull’alta valle dei Rio di Popogna nella zona che va dalle “Ferriere” alla “Fonte all’Amore” lungo la strada provinciale SP8