I macachi utilizzano strumenti differenti in funzione del cibo che vogliono mangiare

I macachi sono molto intelligenti e in grado di risolvere i problemi, proprio come gli scimpanzé, i cappuccini e i primi umani

[21 marzo 2018]

Secondo lo studio “Analysis of wild macaque stone tools used to crack oil palm nuts” pubblicato su Royal Society Open Science da un team di ricercatori britannici, thailandesi e di Singapore  i macachi  (Macaca fascicularis) che vivono allo stato selvatico  scelgono strumenti differenti se vogliono spaccare, mandorle, noci di cocco o aprire delle ostriche.

I macachi di questa specie che vivono nel sud-est asiatico sono ghiotti di badam, delle specie di mandorle lunghe tra i 4 e gli 8 centimetri, di noci delle palme e anche di bivalvi come ostriche, vongole e cozze.  Cibo che ha forme e “gusci” di consistenze molto diverse e per  estrarlo i macachi utilizzano strumenti diversi a seconda del compito che si presenta loro al momento di “decorticare” mandorle, noci o molluschi.

Dallo studio, condotto sull’isola di Piak Nam Yai in Thaïlandia, è emerso che le scimmie si servono di pietre più grosse, fino a 2 kg di peso, per aprire le noci colpendole, mentre utilizzano pietre molto più leggere e fini come leva per aprire le conchiglie e raggiungere la carne del mollusco.

Inoltre i macachi hanno dimostrato un’elevata adattabilità: una delle loro principali fonti di alimentazione, la palma da olio, è stata introdotta nell’isola solo negli ultimi decenni, il che prova che queste scimmie hanno un livello di apprendimento molto rapido.

Il principale autore dello studio, Tomos Proffitt dell’Institute of Archaeology dell’University College London, ha detto all’AFP che si tratta di una nuova prova che «Le grandi scimmie e gli esseri umani non sono i soli a variare gli strumenti a seconda dei compiti. Dobbiamo considerare i macachi come molto intelligenti e in grado di risolvere i problemi, proprio come gli scimpanzé, i cappuccini e i primi umani».