Madagascar, a rischio estinzione più del 25% degli anfibi [VIDEO]

Il 95% di questi anfibi non si trova in nessun'altra parte del mondo

[9 agosto 2013]

Secondo Mitsinjo, un’associazione ambientalista che è impegnata nella salvaguardia della biodiversità del Madagascar, «Almeno il 25% delle specie di anfibi del Madagascar sono minacciate di estinzione»

Nel 2011 il Madagascar era all’12esimo posto della classifica stilata dall’International Union for Conservation of Nature (Iucn) sulla ricchezza di specie di anfibi: la grande isola africana  dell’Oceano indiano ospita più di 286 specie di rane, rospi e raganelle e il 95% di questi anfibi non si trova in nessun’altra parte del mondo.

Ma Mitsinjo  avverte: «Tragicamente, almeno il 25% delle specie di anfibi del Madagascar sono minacciate di estinzione, principalmente a causa della perdita di habitat. La malattia denominata “chytrid” ,che ha già colpito gli anfibi in Africa, minaccia anche quelli del Madagascar».

Per far fronte a questa crisi di estinzione l’associazione ha realizzato un primo centro di allevamento ad Andasibe, une località a 140 km ad est della capitale Antananarivo, per rafforzare le popolazioni a rischio e formare la popolazione per gestire l’epidemia fungina grazie a programmi di allevamento in cattività e di conservazione ex situ. I ricercatori di Mitsinjo sottolineano che «Si tratta anche di condurre delle ricerche sull’allevamento delle specie di rane locali, per comprendere I loro bisogno di cure in cattività».

Andasibe è considerata il paradiso degli anfibi del Madagascar: nell’area che comprende un raggio di 30 Km intorno alla città vivono più di 100 specie.

Videogallery

  • Madagascar - Mitsinjo Reserve - René Krekels