Microsoft compra crediti di carbonio dal Madagascar

L’operazione per salvare l’hot spot della biodiversità di Makira

[17 febbraio 2014]

La Wildlife Conservation Society (Wcs) ha annunciato che il governo del Madagascar ha approvato vendita di quote di CO2 alla Microsoft e ai suoi carbon offset partner: CarbonNeutral Company e Zoo di Zurigo.

Le vendite dei crediti di carbonio sosterranno il progetto governativo REDD+ (Reducing Emissions from Deforestation and Forest Degradation “plus” conservation) del Madagascar  nel Parco naturale di Makira e sono la prima vendita di REDD+ credits di un governo in Africa.

Il Makira REDD+ Project, attraverso la vendita di quote di carbonio che impediscono la deforestazione, punta a finanziare la conservazione a lungo termine di una dei più incontaminati tra gli ecosistemi di foresta pluviale rimasti in Madagascar, dove vivono numerose specie autoctone di piante e animali rare e minacciate, migliorando allo stesso tempo la gestione della terra da parte delle comunità locali e sostenendo i mezzi di sussistenza delle popolazioni. Attraverso un meccanismo di distribuzione dei fondi progettato dalla Wcs e dal  governo del Madagascar, i fondi dalla vendita delle quote di carbonio verranno utilizzati dal governo di Antananarivo per le attività di salvaguardia, capacity building e gestione del arco naturale Makira. La metà dei proventi della vendita delle quote di carbonio andrà a sostegno delle comunità che vivono ai confini dell’area protetta, per l’educazione, la salute e per altri progetti di sviluppo.

Pierre Manganirina Randrianarisoa, segretario generale del ministero dell’ambiente e delle foreste del Madagascar ha detto che «Il governo del Madagascar è entusiasta di aver svolto il ruolo di pioniere nella vendita di carbonio in Africa. Makira è una parte di grande valore del nostro patrimonio naturale ed i provenienti da questa vendita non solo proteggeranno e questa zona dall’invasione ma rappresentano un passo importante nel nostro piano di finanziamento dello sviluppo delle fonti sostenibili per l’intera rete delle aree protette. Ci auguriamo che altre organizzazioni seguiranno l’esempio di Microsoft, The CarbonNeutral Company, e Zoo di Zurigo e si uniranno a noi in questo sforzo per conservare la biodiversità unica del Madagascar attraverso la futura vendita di crediti di carbonio».

In Africa e altrove le critiche di associazioni ambientaliste e Ong che si occupano di diritti civili alla filosofia REDD+ non mancano, ma il presidente della Wcs, Cristián Samper, è molto soddisfatto: «Queste vendite rappresentano una prima assoluta per la Wcs WCS, una prima assoluta per l’Africa, il Madagascar per  primo promuove l’utilizzo dei crediti di carbonio per combattere il cambiamento climatico, per la protezione della biodiversità e di  sostentamento dell’uomo. Siamo grati a Microsoft, The CarbonNeutral Company e Zoo di Zurigo e siamo ansiosi di vedere futuri acquisti da parte di altre organizzazioni lungimiranti».

La Wcs dal 2003 dirige il parco ed è responsabile per l’attuazione del progetto REDD+.  Nel settembre 2013 il governo del Madagascar e la Wcs avevano a certificato e n messo sul mercato 710.588 carbon credits  del a Makira Forest REDD+ Project che nei prossimi 30 anni dovrebbero impedire le emissioni di più di 32 milioni di tonnellate di CO2.

Makira è uno degli hot spot mondiali della biodiversità: ci vive circa l’1% delle specie animali e vegetali di tutto il pianeta, comprese 20 specie di lemuri, centinaia di specie di uccelli e migliaia di varietà di piante, tra le quali molti non si trovano in nessun altro luogo sulla terra. La foresta Makira si estende quasi 400.000 ettari ed è uno degli ultimi brandelli rimasti ancora intatti di foresta pluviale del Madagascar, inoltre e foreste di Makira proteggono lo spartiacque che fornisce acqua potabile ad oltre 250.000 persone.

Per Rob Bernard, responsabile della strategia ambientale della Microsoft: «Sostenere progetti di conservazione delle foreste e di community building come Makira è un parte importante della strategia di Microsoft per ridurre l’impatto ambientale, sostenere la crescita economica sostenibile, migliorare la salute e l’istruzione  ed affrontare le sfide sociali.  Il ruolo importante del progetto nel proteggere una parte essenziale della biodiversità si allinea anche con il focus di Microsoft sull’utilizzo di tecnologie, informazione e ricerca per sviluppare nuovi approcci e soluzioni per la sostenibilità».

Il  Makira Forest REDD+ Project è convalidato e verificato dal Verified Carbon Standard (Vcs) ed ha ricevuto la classificazione “Gold” dalla ‘Gold’ Climate Community and Biodiversity Alliance. Evirare la deforestazione è una delle cose essenziali da fare in Madagascar per ridurre le emissioni di CO2, nell’Isola la pratica del brucia e coltiva e la produzione di carbone vegetale per cucinare sta facendo scomparire circa 36.000 ettari di foresta ogni anno.

E’ naturalmente entusiasta anche Jonathan Shopley, amministratore delegato di The CarbonNeutral Company: «Sempre più spesso i nostri clienti sono alla ricerca di opportunità per gestire l’intero impatto ambientale delle  loro organizzazioni, spinti dalla necessità di costruire la resilienza nelle loro catene di approvvigionamento. Il progetto Makira consente ai clienti di fare questo con la vendita di crediti di carbonio offrendo allo stesso tempo anche valore alla biodiversità e sostegno alle comunità».