Montalbano ha salvato la Riserva naturale del Padule di Fucecchio dalla bufera di vento

[11 marzo 2015]

Buone notizie dalla Riserva naturale del Padule di Fucecchio: nonostante il forte vento dei giorni scorsi, i danni agli habitat naturali ed alle strutture per la fruizione sono poco rilevanti. A darne notizia è il Centro di Ricerca, Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio, che annuncia anche che la sentieristica interna all’area protetta è già stata in gran parte ripristinata da personale dell’associazione e pertanto non sono previste variazioni nel calendario delle visite guidate primaverili, scaricabile dal sito web www.paduledifucecchio.eu.

Il Montalbano evidentemente ha protetto le aree Le Morette e Righetti-La Monaca, schermando almeno in parte il forte vento di grecale. Alcuni pioppi sono stati sradicati o stroncati, ma fortunatamente non le piante sulle quali si è insediata la garzaia mista di Aironi cenerini e Cormorani. Queste due specie, essendo le più precoci fra i grandi uccelli che nidificano in colonie sugli alberi, sono già in cova e vi era il forte timore che potessero aver subito la perdita di numerosi nidi a causa della bufera di vento. Le attività di monitoraggio in atto hanno consentito di stimare attorno al 10% il quantitativo di nidi perduti, con la possibilità che essi possano essere ricostruiti, stante la fase ancora iniziale della nidificazione.

Già nello scorso fine settimana la Riserva Naturale ha visto l’afflusso di numerosi visitatori, complice il bel tempo e le notizie, che correvano sul web, di centinaia di Gru in transito nella nostra regione. Ed in effetti la domenica mattina, per coloro che erano presenti, lo spettacolo è stato davvero entusiasmante: nella prima mattinata sono state osservate circa 500 gru, in gruppi più o meno numerosi che, a più riprese, si sono compattati e divisi. Alcuni stormi hanno effettuato anche degli “scali tecnici” (purtroppo di breve durata) presso l’area denominata La Vetricina e nei pressi di Castelmartini, non lontano dal Centro Visite della Riserva Naturale; anche durante la settimana sono continuati gli avvistamenti di altre Gru.

Questi animali provengono dai quartieri di svernamento africani e sono diretti verso le aree di nidificazione, soprattutto in Scandinavia e in Siberia. Essendo dei virtuosi del volo veleggiato, evitano per quanto possibile le lunghe traversate marine e si spostano, soprattutto nelle ore diurne, lungo le penisole mediterranee per sfruttare a proprio vantaggio le correnti calde ascensionali, che permetto di guadagnare quota senza fare fatica disegnando grandi cerchi nel cielo, per poi “scivolare” nella direzione desiderata. Di norma le Gru dalla Valdinievole si spostano nella Piana Fiorentina e da qui in Mugello, dove avviene l’attraversamento dell’Appennino.

Nel fine settimana (sabato ore 14,30-18, domenica ore 9-12,30 e 14,30-18) gli appassionati troveranno aperto anche il Centro Visite di Castelmartini, dove per tutto il mese è allestita tra l’altro la bellissima mostra “Nel mondo dei lupi”; info Centro R.D.P. Padule di Fucecchio, tel. 0573/84540, email fucecchio@zoneumidetoscane.it. Nelle immagini: le strutture di visita della Riserva Naturale (area Righetti) e alcune Gru osservate in Padule.

di Centro di Ricerca, Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio