Nuove regole del turismo sostenibile: nasce il Club delle Vele

[28 ottobre 2014]

Legambiente e Touring Club Italia hanno promosso il Club delle Vele: due giorni d’incontri in Maremma tra i comuni italiani insigniti delle Vele di Legambiente che sono iniziati con la firma, da parte dei sindaci, della “Carta del Club delle Vele”: un protocollo che detterà le future regole di gestione della costa e del turismo per tutti i comuni italiani.

Presentando l’evento, realizzato in collaborazione con il Comune di Castiglione della Pescaia e Iccrea Banca, che si è svolta nel Centro nazionale per lo sviluppo sostenibile “Il Girasole” di Rispescia, Angelo Gentili, responsabile nazionale Legambiente Turismo, ha sottolineato che «Realizzare l’iniziativa sulle buone pratiche di turismo sostenibile costiero in Maremma  ha un grande significato proprio perché il nostro territorio rappresenta uno dei modelli che riescono a mettere insieme natura, cultura, sostenibilità ed economia, valorizzando e dando significato alla cultura ambientale. La scommessa è quella di stimolare confronto e collaborazione con le eccellenze che provengono da tutta la penisola per creare una rete di territori che guardano con forte priorità alla sostenibilità turistica. Siamo contenti di organizzare questa iniziativa anche con la collaborazione del comune di Castiglione della Pescaia, classificatosi al primo posto nell’edizione 2014 delle Vele di Legambiente e Touring Club».

Protagonisti dell’evento sono i comuni costieri che hanno saputo conciliare con successo l’offerta turistica con il rispetto dell’ambiente e una buona gestione del territorio, facendo delle peculiarità territoriali il loro vanto, tutelando paesaggi incontaminati, prodotti tipici, beni culturali. Buone pratiche da condividere e replicare che sono valse a questi comuni il riconoscimento, “le Vele”, assegnato dalla Guida Blu di Legambiente e Touring Club Italia. Obiettivo del workshop è raccontare, analizzare, mettere in rete queste esperienze che possono rappresentare il miglior fattore di crescita e sviluppo di questo Paese.

Rossella Muroni, direttrice nazionale di Legambiente, conclude: «Abbiamo voluto realizzare questo percorso di confronto tra i sindaci delle cinque Vele che provengono da ogni parte del paese per mettere in rete le buone pratiche e le eccellenze in ambito turistico. Tutto questo per creare le condizioni giuste per rendere la Guida blu, il Mare più bello e i riconoscimenti delle Vele di Legambiente un laboratorio di esperienze condivise che raccontino la nostra idee di turismo e bellezza a livello nazionale in modo efficace per uscire dalla crisi e rilanciare l’economia».