Nuovo Ambito Territoriale di Caccia Livorno: accordo tra associazioni agricole e venatorie

Roberto Callaioli proposto per la presidenza

[12 maggio 2015]

Confederazione italiana agricoltori, Coldiretti, Confagricoltura, Confederazione dei Cacciatori Toscani (Arcicaccia Federcaccia, Anuu Migratoristi) e  Libera Caccia, hanno raggiunto un accordo per il nuovo Ambito territoriale di caccia Livorno, che si insedia ufficialmente oggi.

In una nota congiunta cacciatori ed agricoltori spiegano che gli elementi che caratterizzano l’accordo sono: «Tutela delle attività agricole, salvaguardia dell’ambiente e conservazione del patrimonio naturale» e ricordano che «Le recenti modifiche alla Legge Regionale sulla caccia, hanno previsto un solo ambito territoriale di caccia (Atc), per ogni provincia, unificando gli attuali Atc sub provinciali, LI 9 (area continentale e Capraia Isola) e LI 10 (Isola d’Elba), ridefinendone in questo nuovo quadro, il rafforzamento del ruolo e delle competenze conferite».

Il nuovo comitato di gestione dell’Atc Livorno dovrà mettere in atto gli obiettivi stabiliti dal piano faunistico venatorio e con le modifiche introdotte nella tassazione regionale, «potrà contare su maggiori certezze nella disponibilità di risorse Il loro utilizzo». Associazioni agricole e venatorie hanno concordato che i finanziamenti dovranno essere utilizzati per «La  programmazione e gestione del territorio agro silvo-pastorale, nella tutela della selvaggina nobile stanziale, nei miglioramenti ambientali,  nella prevenzione dei danni alle produzioni agricole e nella garanzia del rispetto del principio del risarcimento dei danni, causati da fauna selvatica ed ungulati, sancito dal Piano faunistico regionale».

Accordo anche sulla «Valorizzare il ruolo della Assemblea dei delegati, organo rappresentativo di secondo grado, previsto dalla modifica legislativa,  al fine  di un maggior coinvolgimento delle comunità territoriali

nella gestione delle risorse faunistiche».

Il presidente del nuovo Atc provinciale unico sarà  Roberto Callaioli, già assessore alla caccia e vicesindaco di Castagneto Carducci, che si è impegnato a dare al’Atc Livorno una governance che «Si ispirerà ai  principi di semplificazione, chiarezza e trasparenza».

Alla riunione durante la quale è stato sottoscritto l’accordo tra associazioni agricole e venatorie erano state in vitate anche le associazioni ambientaliste che però non hanno partecipato, ma cacciatori e agricoltori dicono che   «L’auspicio è la condivisione delle linee programmatiche per il prossimo mandato anche da parte delle Associazioni Ambientaliste, nominate nel comitato di gestione dell’Atc  Livorno».