Panfilo nell’Area marina protetta integrale: la Forestale lo sanziona a nuoto (VIDEO)

E’ successo a Pianosa, lo yacht batteva bandiera delle Isole Vergini Britanniche

[11 luglio 2016]

pianosa barca

Intorno alle 13,00 del 9 luglio, un panfilo a vela di 22 metri battente bandiera delle Isole Vergini britanniche, con a bordo turisti, si è ormeggiato, tra Punta Secca e l’isolotto della Scola a Pianosa, ad una distanza di circa 400 mt. dalla costa, quindi ben 1.100 metri dentro l’area marina protetta integrale del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, dove sono vietate la navigazione, la balneazione e la pesca.

« L’accaduto non è passato inosservato al sistema di telecontrollo – spiega una nota dell’Ente Parco –  il che ha determinato  l’immediato intervento della pattuglia del Corpo Forestale dello Stato in servizio presso l’isola. Anche le guide che stavano svolgendo il loro lavoro hanno notato l’imbarcazione e contattato a loro volta gli agenti».

Il problema era come raggiungere i turisti che prendevano beatamente il sole e si apprestavano probabilmente a fare il bagno in un’area vietata alla navigazione, a un  tiro di schioppo da delicate aree di nidificazione di rari uccelli marini: infatti il personale del Corpo forestale dello Statio in servizio su Pianosa non aveva la disponibilità del  mezzo nautico istituzionale. Quindi un forestale si è buttato in mare e ha raggiunto lo yacht a nuoto ed ha proceduto alla contestazione della violazione amministrativa, per poi tornare al porticciolo di Pianosa insieme al comandante del panfilo per formalizzare il controllo ed espletare i relativi atti amministrativi. Una volta terminati gli atti il comandante dello yacht battente bandiera delle Isole Vergini veniva invitato ad allontanarsi dall’Isola di Pianosa, ma difficilmente ha lasciato quel paradiso naturalistico per tornare al paradiso fiscale britannico che produce bandiere ombra.

Chissà cosa avranno pensato l’equipaggio e i ricchi turisti a bordo della barca pirata di questo abbordaggio, un abbordaggio “ecologico” di un forestale nuotatore?

Il Presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e di Federparchi Giampiero Sammuri si è complimentato con il personale del Corpo Forestale dello Stato per  «L’intraprendente azione  a tutela  delle acque di Pianosa  e si rallegra dell’ennesima dimostrazione dell’efficienza  del sistema di videosorveglianza grazie al quale tutto  l’Arcipelago Toscano è monitorato».

Videogallery

  • 9 luglio 2016 Imbarcazione entra nelle acque protette di Pianosa