Parco della Maremma, a Marina di Alberese la pineta cambia volto

L’Ente Parco regionale della Maremma ha presentato i lavori di restyling dell'area pinetata

[24 giugno 2013]

A Marina di Alberese l’Ente Parco regionale della Maremma ha presentato i lavori di restyling dell’area pinetata, che hanno riguardato tutta la zona verde fronte mare, intorno al parcheggio: gli accessi alla spiaggia, gli arredi (panchine, rastrelliere, passerelle, isola ecologica, cestini), il Centro servizi e infine l’anello che collega Marina di Alberese con Bocca d’Ombrone, che è adesso praticabile in bici e a piedi.

Nel pacchetto di interventi realizzati, oltre alla creazione di un’isola ecologica, era prevista la  sistemazione estetica del Centro integrato servizi, compiuta dai privati, dagli ambulanti, che hanno uniformato tendaggi, ombrelloni e messo a disposizione una serie di comodità e ulteriori servizi (dal noleggio delle biciclette alla vendita dei biglietti per l’itinerario Marina di Alberese-Bocca d’Ombrone-Giuncaie), intervento che è stato apprezzato dal presidente del parco Lucia Venturi, presente al taglio del nastro insieme all’assessore al turismo del comune di Grosseto Giovanna Stellini, e al funzionario della provincia di Grosseto Fabio Fabbri.

«La loro risposta è stato molto positiva, davvero apprezzabile», ha sottolineato Venturi. Altri lavori hanno riguardato gli stradelli di collegamento tra il Centro servizi, l’area pic-nic e la spiaggia che sono stati risistemati a spese della Provincia e dotati di un fondo in materiale riciclato, che permette a chi si dirige verso Collelungo di superare il tratto di spiaggia sottoposto a forte erosione restando in pineta, senza dover entrare in acqua.

«Sono interventi che cambiano il volto di Marina di Alberese e la rendono più gradevole. Ci auguriamo che possano essere apprezzati dai turisti che scelgono di fare il mare all’interno del Parco», ha concluso Venturi. Congratulazioni all’Ente parco per il lavoro svolto non sono mancate, e sono giunte anche dall’assessore regionale all’Ambiente, Anna Rita Bramerini.