Il Parco sostiene il volontariato con la pubblicazione di un bando ad hoc

Hai un progetto per il territorio dell’Arcipelago toscano? Ci sono in palio 50mila euro

[7 gennaio 2015]

Il Parco ha pubblicato sul proprio sito istituzionale l’avviso pubblico di un Bando che intende premiare la capacità progettuale espressa dagli attori locali delle comunità dell’Arcipelago per realizzare azioni concrete per conseguire le finalità del Parco di tutela della biodiversità, cura del territorio e sostegno all’ecoturismo.

Il bando si trova nella sezione Amministrazione Trasparente,  alla voce Sovvenzioni contributi/criteri e modalità a questo link: http://www.pa33.it/appcontainer/?keyUrl=PNARCIPELAGOTOSCANO&node=1_0_0_0

Nel testo sono riportate le modalità per accedere ai finanziamenti. I progetti possono riguardare due linee di azione: A) Buone pratiche di cura del territorio nel territorio insulare toscano

  1. B) Interventi per far conoscere la biodiversità delle isole dell’Arcipelago Toscano.

Nel testo del Bando per ciascuna linea di azione sono stati esemplificati argomenti e temi progettuali di interesse per l’Ente. L’avviso è rivolto a singoli individui e/o associazioni, gruppi di volontariato, scuole ed Enti Locali, che vogliono promuovere progetti che comportano  interventi concreti finalizzati alla diffusione della cura del territorio e al riconoscimento dei valori del patrimonio naturale.

Sono ritenute significative le azioni volte:

– all’adozione di buone pratiche di valorizzazione di aree del territorio insulare toscano;

– all’attuazione di interventi che puntano a far conoscere la biodiversità presente nelle isole dell’Arcipelago Toscano.

I progetti presentati saranno esaminati da una commissione per la valutazione tecnica e i progetti ammessi verranno sostenuti secondo la graduatoria finale fino ad esaurimento dei fondi. La somma a disposizione per il cofinanziamento delle attività proposte è complessivamente di 50.000 €.

Nel campionario dei suggerimenti si segnalano: interventi di rinaturazione di piccole aree degradate di pubblico interesse con la messa a dimora di flora spontanea tipica dell’Arcipelago; miglioramento ambientale di aree naturali per favorire opportunità di fruizione; allestimento di piccole attrezzature per attività outdoor per bambini in aree di interesse pubblico; ripulitura di tratti di percorsi lungo sentieri e in arenili (non attrezzati) nonché bonifiche in habitat di fondali marini costieri; attività di vivaistica con produzione di pianticelle e semi per favorire la messa a dimora di piante di interesse conservazionistico;  ideazione di kit didattici per la scuola dell’infanzia per attività ed esperienze outdoor; allestimento di giochi didattici per favorire l’apprendimento dell’ecologia dell’ambiente mediterraneo; punti attrezzati per l’ecoturismo in strutture di accoglienza, realizzazione di proposte educative con schede per insegnanti e materiale didattico per studenti per chiavi di riconoscimento flora spontanea, ecc.

Il capofila del progetto è il beneficiario del finanziamento. Deve essere un soggetto che può rendicontare fiscalmente le spese sostenute. Il contributo concesso a ciascun progetto andrà in misura proporzionale da un minimo di € 500 ad un massimo di € 4.000 lordi.

I progetti potranno avere inizio il 1° ottobre 2014 e dovranno terminare il 30 giugno 2015.

La scadenza per la presentazione delle candidature è fissata alle ore 12:00 del 10 febbraio 2015.

Il rimborso delle spese sostenute sarà erogato in un’unica soluzione a seguito di presentazione di idonea rendicontazione delle spese sostenute.

Per eventuali chiarimenti contattare l’ufficio educazione del Parco telefonando al centralino 0565/919411 e selezionando il numero 6.