Riceviamo e pubblichiamo

Quanto è presente l’ambiente nell’agenda politica?

[11 dicembre 2017]

Recenti indagini confermano l’allarmante crescita delle preoccupazioni per la sicurezza del Paese. Ma anche quelle per la situazione ambientale sono in crescita, e non solo nel nostro Paese. Per l’ambiente però l’agenda politica anche in regioni come la Toscana – e ancor meno a Roma, Parlamento incluso –  continua a registrare preoccupanti ritardi e risposte  inadeguate, quando non del tutto sbagliate. Quanto scodellato con il Referendum a cominciare dalla abrogazione delle province ha inoltre intorbidato ulteriormente le acque e non certo concorso ad aiutare gestioni integrate – e non soltanto delle aree protette –, vedi parchi provinciali e Anpil in Toscana. L’area vasta sotto questo profilo resta un oggetto e soggetto misterioso.

La contraddizione sempre più sconcertante è che mentre si continuano a invocare nuove leggi quelle ottime varate anche molti anni fa – vedi la 394 del 1991, la 394 sui parchi – non si è saputo e voluto attuarle come si doveva, e ora da 5 anni si sta cercando pure di manometterle. Il tutto facendo orecchie da mercante alle crescenti proteste che ormai coinvolgono tante associazioni ambientaliste, culturali e scientifiche.

Eppure l’approssimarsi delle elezioni politiche e anche quelle comunali – visti i risultati di varie città, anche toscane – dovrebbero aiutarci a ricordare che piste aereoportuali, inceneritori, cave di marmo, inquinamento e pesca abusiva all’Arcipelago Toscano, rilancio delle doppiette presenteranno di nuovo il conto che come Pd abbiamo già pagato, e parecchio salato.  Ecco perché sarà bene pensarci per tempo, che non è più molto. A Pisa è stata avviata un’iniziativa volta finalmente all’istituzione, dopo tantissimo tempo, di un gruppo di lavoro su questi problemi su cui bisogna fare il più presto possibile.

Le opinioni espresse dall’autore non rappresentano necessariamente la posizione della redazione