Quasi tutte le tartarughe marine nate in Florida sono femmine. Colpa del cambiamento climatico

La sabbia troppo calda e secca fa nascere solo femmine e fa schiudere meno uova

[14 marzo 2018]

Jeanette Wyneken, che insegna scienze biologiche alla Florida Atlantic University, ha detto a USA Today che da più di una dozzina di anni la stragrande ,maggioranza delle tartarughe marine Caretta caretta nate sulle spiagge della Florida sono femmine e che dal 2015 al 2017, né sulle spiagge atlantiche che in quelle del Golfo dove si svolgono gli studi sulle tartarughe, e stato trovato un solo esemplare maschio.

L’ultimo anno in cui è nata una percentuale di maschi di Caretta caretta abbastanza alta  è stato il 2013, ma già allora le femmine erano il 68%

Altre specie di tartarughe marine che fanno il nido sulle spiagge della Florida non sono messe molto meglio: tra le tartarughe liuto (Dermochelys coriacea) tendono a nascere tra l’80% e l’85% di femmine e tra le tartarughe verdi (Chelonia mydas) le femmine sono il 90 – 95%.

La Wyneken sottolinea; «Non posso dire che i nostri dati rappresentino ciò che avviene nel 100% delle spiagge della Florida, ma stiamo guardando i nuovi trend e sono convinto che questi trend si stiano verificando in molte spiagge».

La Wyneken non sa da quando le nascite delle tartarughe marine femmine abbiano superato quelle dei maschi, «ma possiamo supporre che sia stato prima di quando lo stessimo studiando. Ogni anno che non abbiamo maschi di Caretta caretta ha un impatto. Il vero problema sarà se avremo uno, due o tre decenni senza maschi».

La Wyneken  e gli altri scienziati che si occupano di tartarughe ritengono che stia succeden do esattamente quel che prevedevano e temevano: la netta predominanza di giovani tartarughe marine femmine è legata ai cambiamenti climatici: a differenza degli esseri umani e dei mammiferi, il cui sesso viene determinato dai cromosomi tramandati dai genitori, il sesso delle tartarughe marine è determinato dalla temperatura della sabbia e, generalmente, più la sabbia è calda più femmine nascono»

«Se un nido è molto caldo, diciamo 88 gradi Fahrenheit, saranno tutte femminespiega ancora la Wyneken – All’altra estremità dello spettro, un nido a 77 gradi Fahrenheit sarebbe tutto maschile. Un nido di 84 gradi produrrà alcuni maschi. In Florida, ci sono pochissimi anni in cui è abbastanza fresco da produrre maschi».

E non sta succedendo solo in Florida; secondo un recente studio, circa il 99% delle tartarughe marine verdi vicino all’età adulta nate nell’area settentrionale – e più calda – della Grande Barriera Corallina Australiana sono femmine. Nel Mediterraneo le nidificazioni di Caretta caretta si stanno spostando sempre più a nord – come quella eccezionale avvenuta all’Isola d’Elba m nell’estate 2017 – probabilmente proprio alla ricerca di siti di deposizione più freschi.

In Florida la stagione di nidificazione delle tartarughe marine comincia agli inizi di marzo e le prime ad arrivare sono le gigantesche tartarughe liuto, questo potrebbe essere il motivo per cui hanno la più alta percentuale di maschi. Invece le Caretta caretta nidificano durante i mesi più caldi dell’anno: giugno, luglio e agosto e le tartarughe verdi un po’ più tardi: a luglio, agosto e settembre.

La Wyneken dice che «Sembra che le tartarughe marine si stiano un po’ adattando, depositando le uova due o tre settimane prima del solito», un comportamento che probabilmente viene innescato dall’acqua dell’oceano che si sta scaldando in anticipo,  a partire dall’inizio dell’anno. Anche la pioggia ha il suo effetto: in un nido caldo e umido ci sono più probabilità che nascano maschi che in un nido caldo e asciutto. Quindi, le tartarughe depositano le uova più tardi durante l’estate, quando la inizia la stagione delle piogge e c’è più probabilità che nascano maschi. Il problema è che così i nidi hanno anche più probabilità di essere sopazzati via da tempeste tropicali e uragani. Come riassume la biologa della Florida Atlantic University. «Se, grazie alla pioggia, hai un nido con dentro alcuni maschi e viene spazzato via da un uragano, il risultato finale è che non ci sono maschi». I cambiamenti climatici possono anche influire sul numero di uova schiuse che probabilmente sono in diminuzione a causa della sabbia calda e secca.

Ma chi crede che per le tartarughe marine basta spostarsi lungo la costa Usa più a nord  per produrre abbastanza  maschi, si sbaglia. Prima di tutto in Florida nascono più tartarughe marine che in qualsiasi altra parte degli Usa e questi antichissimi rettili marini sono creature abitudinarie, che ritornano quasi sempre nelle aree in cui sono nate. Secondo, le spiagge della Georgia, della South Carolina e della North Carolina in estate sono altrettanto calde – se non più calde – di quelle della Florida. La Wyneken conferma: «Nel primo anno del nostro studio, abbiamo trovato più maschi in Florida che sulle spiagge a nord».

E’ dal 2002 che il team della Florida Atlantic University  controlla i nidi di tartarughe marine in tutto il sud-est Usa, ma ora, a causa dei tagli dei finanziamenti, si concentra sulle spiagge intorno a Boca Raton sulla costa atlantica e sull’isola di Sanibel sulla costa del Golfo.

In un nido di tartarughe marine in Florida ci sono circa 110 uova e la Wyneken di solito preleva circa  il 10% dei piccoli da un nido test per studiarli in laboratorio fino a che non sono abbastanza grandi per poterne determinare il sesso grazie alla chirurgia laparoscopica, facendo una piccola incisione che non provoca alcun danno. «Non sono entrata in biologia per ferire le tartarughe marine – conclude la Wyneken  – Dobbiamo impedire al mondo di diventare più caldo»